Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

I 5 stelle chiedono di rivedere il bonus energia

energia 05 giugno 2017

ROMA (Public Policy) - "Assumere iniziative per prevedere che l'erogazione dei bonus energetici per gli utenti domestici in stato di disagio economico o con grave malattia avvenga in modo automatico senza la necessità della preventiva richiesta dell'utente interessato, al fine di garantire le medesime condizioni di accesso al beneficio da parte della platea degli aventi diritto".

È l'impegno contenuto in una risoluzione sulla revisione della disciplina per l'erogazione dei bonus energetici ai clienti domestici disagiati approvata in commissione Attività produttive alla Camera. La risoluzione è a prima firma Davide Crippa (M5s).

Non accolto, invece, l'impegno di valutare l'opportunità di rivedere le condizioni di accesso al bonus, sostituendo l'Isee con un indicatore su base reddituale, valutando inoltre la possibilità di ampliare i beneficiari.

Secondo il Governo la sostituzione sarebbe di difficile attuazione. Sulla possibilità di allargare la platea dei beneficiari, l'Esecutivo ha sottolineato la necessità di garantire la sostenibilità complessiva della misura anche alla luce del fatto che il bonus sociale è coperto da una specifica componente tariffaria che grava su tutti gli altri consumatori. (Public Policy) FRA

© Riproduzione riservata