Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Abu Omar, pubblicato ricorso avvocatura

Abu Omar, pubblicato ricorso avvocatura 11 novembre 2013

Abu Omar, pubblicato ricorso avvocatura

(Public Policy) - Roma, 11 nov - È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale - serie speciale Corte costituzionale n.45 del 6 novembre - il ricorso presentato dal presidente del Consiglio dei ministri, rappresentato dall'Avvocatura dello Stato, sul conflitto di attribuzione nei confronti Corte di cassazione e della Corte di appello di Milano relativamente alla vicenda del rapimento di Abu Omar e alla responsabilità penale di Nicolò Pollari insieme a Giuseppe Ciorra, Marco Mancini e Luciano Di Gregori.

Secondo l'Avvocatura dello Stato non spetta alla Corte di Appello di Milano affermare la responsabilità penale degli imputati del fatto - reato costituito dal sequestro di Abu Omar, sul presupposto che il segreto di Stato apposto dal presidente del Consiglio dei ministri, in relazione alla vicenda del sequestro di Abu Omar, concernerebbe solo i rapporti tra Servizio italiano e Cia, nonché gli interna corporis che hanno tratto a operazioni autorizzate dal Servizio. L'istanza di sospensiva è motivata - si legge nel ricorso - dalla "esigenza di evitare l'aggravamento della lesione delle attribuzioni costituzionali del presidente del Consiglio dei ministri", esigenze che impongono "la sospensione dell'efficacia della sentenza impugnata e la conseguente sospensione del processo penale attualmente pendente dinanzi alla Corte di Cassazione, fino alla definizione del giudizio introdotto con il presente ricorso".

La Consulta aveva ammesso il ricorso per il conflitto di attribuzione il 23 ottobre 2013. Secondo quanto si apprende, i passaggi successivi prevedono che la presidenza del Consiglio dei ministri notifichi il ricorso e l'ordinanza della Consulta alla Corte d'Appello di Milano entro il termine di trenta giorni dalla comunicazione effettuata dalla Cancelleria della Corte dell'ordinanza al presidente del Consiglio dei ministri, per essere successivamente depositati, con la prova dell'avvenuta notifica, presso la cancelleria della Corte entro il termine di quindici giorni dalla notificazione. (Public Policy)

SAF

© Riproduzione riservata