Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Accolto odg 5 stelle, stop ai rimborsi viaggio per gli ex deputati

fisco 06 agosto 2015

ROMA (Public Policy) - Stop ai rimborsi viaggio per gli ex deputati. È quanto prevede un ordine del giorno (a firma M5s) accolto dai questori della Camera al progetto di Bilancio 2015.

"Procedere all'immediata sospensione di tutti i 'plafond aperti', procedere alla ricognizione e saldo dei viaggi già effettuati e quindi procedere all'azzeramento delle risorse destinate a questo capitolo di bilancio per poi, a partire dal 1° gennaio 2016, eliminare totalmente la voce; procedere - è il testo dell'odg - a una ricognizione dei servizi erogati, e relativi oneri sostenuti, agli ex deputati e a valutare l'opportunità conseguente di sopprimere l'erogazione di tutti i servizi prestati in favore degli ex deputati, esclusi quei servizi la cui fruizione è subordinata al pagamento di un corrispettivo o la cui erogazione non comporti oneri a carico della Camera".

Nel bilancio della Camera per il 2014 risultano destinati ai rimborsi di viaggio ai deputati cessati dal mandato 900mila euro.

La Camera ha invece bocciato, con 315 voti contrari e 93 favorevoli, un altro ordine del giorno (sempre a firma M5s) con il quale si fissava un tetto alle indennità stabilito in 5mila euro lordi.

L'odg stabiliva che all'indennità si sarebbero potute sommare "un rimborso spese rigorosamente legato alla rendicontazione delle spese per l'esercizio del mandato".

Il rimborso avrebbe sostituito "tutte le altre voci di spesa presenti ed estranee all'indennità attualmente previste, ovvero: diaria di soggiorno, rimborso spese per l'esercizio del mandato, rimborso spese accessorie di viaggio, rimborso forfettario spese telefoniche". (Public Policy) FRA

© Riproduzione riservata