Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Acqua, movimenti: istituzioni stanno eludendo referendum

Acqua, movimenti: istituzioni stanno eludendo referendum 21 novembre 2013

ROMA (Public Policy) -  "Ci teniamo a sottolineare come finora le istituzioni, a diversi livelli, si siano adoperate nel tentativo di eludere l'esito referendario e dall'altra abbiano approvato atti e provvedimenti in diretto contrasto". È quanto si legge nel testo consegnato ieri dal Forum italiano dei movimento per l'acqua alla commissione Ambiente della Camera, nell'ambito della discussione sulla risoluzione proposta dal Movimento 5 Stelle e da Sel sull' "Introduzione nell'ordinamento nazionale di principi e norme per la tutela e la gestione pubblica delle acque, nonché per la ripubblicizzazione del servizio idrico integrato".

Il giudizio espresso ieri sull'operato degli ultimi governi è dunque negativo, soprattutto a causa del cosiddetto metodo tariffario transitorio, disposto dall'Autorità per l'energia elettrica e il gas che, per i movimenti, "sta facendo rientrare dalla finestra i profitti garantiti per i gestori sotto la denominazione di 'costo della risorsa finanziaria'.  "Ci teniamo altresì a contestare la lettura che il ministro Orlando e il Governo hanno dato in merito all'istituzione della tariffa sociale del servizio idrico integrato così come stabilito dal disegno di legge collegato alla Manovra recante disposizioni in materia ambientale - hanno proseguito i comitati per l'acqua -. Infatti sia il ministro che il Governo hanno sostenuto che tale disposizione sarebbe una 'prima risposta al messaggio politico venuto dal referendum' e andrebbe a rendere effettivo l'obiettivo di rafforzare la natura pubblica della risorsa acqua e di conseguenza dare attuazione all'esito referendario.

Come Forum dei Movimenti per l'Acqua riteniamo non veritiera tale lettura - si legge nella relazione -, non perché la tariffa sociale non sia una questione di assoluta rilevanza soprattutto in un periodo di grave crisi economica e occupazionale, ma perché la copertura di questa tariffa sociale viene individuata in una nuova apposita componente tariffaria in capo ai cittadini e che quindi graverà ulteriormente sulle bollette". La norma citata dal Forum è contenuta nell'articolo 26 del collegato ambientale: "Con questa norma l'Autorità per l'energia elettrica ed il gas, al fine di garantire l'accesso universale all'acqua, assicura agli utenti domestici a basso reddito del servizio idrico integrato, l'accesso a condizioni agevolate alla quantità di acqua necessaria per il soddisfacimento dei bisogni fondamentali - aveva spiegato il ministero -. La sostenibilità dell'intervento e la copertura dei relativi costi viene garantita dalla previsione di un'apposita componente tariffaria in capo alle utenze non agevolate del servizio idrico integrato".(Public Policy)

© Riproduzione riservata