Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Ambiente&Energia: la Manovra sbarca a Montecitorio

energia 04 dicembre 2017

ROMA (Public Policy) - Da ritocchi all'ecobonus all'istituzione di nuovi parchi nazionali, da risorse alle autorità di bacino a novità in tema di concessioni idroelettriche. Sono alcune delle modifiche apportate alla manovra nel corso di questa prima lettura al Senato.

Sicuramente le novità più importanti sono state la trasformazione dell'Aeegsi in Arera, Autorità di regolazione per l'energia, reti e ambiente con poteri anche in tema di rifiuti; e il chiarimento normativo che ha escluso il pagamento dell'Imu sui rigassificatori off-shore.

Da segnalare anche la proroga degli incentivi per la produzione di energia da biomassa, biogas e bioliquidi sostenibili.

Ecco, nel dettaglio, tutte le modifiche in tema di energia e ambiente apportate da Palazzo Madama:

ECOBONUS AL 65% ANCHE PER MICRO COGENERATORI IN 2018

L'ecobonus al 65% verrà applicato anche all'acquisto, per tutto il 2018, e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, fino a un valore massimo della detrazione di 100mila euro. Per poter beneficiare dell'ecobonus la posa dei micro- cogeneratori dovrà comportare un risparmio di energia primaria (pes) pari ad almeno il 20%.

OK INNALZAMENTO TETTO SPESA ECOBONUS SU GRANDI LAVORI CONDOMINI

Innalzato a 40mila euro per ogni unità immobiliare il livello massimo delle detrazioni spettanti per gli interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali, che interessino l'involucro dell'edificio con un'incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell'edificio medesimo.

continua - in abbonamento

NAF-FRA

 

© Riproduzione riservata