Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

AMBIENTE, VII RAPPORTO ISPRA: IL 2011 4° ANNO PIÙ CALDO DAL 1961

16 gennaio 2013

(Public Policy) - Roma, 16 gen - Il 2011 si attesta al
quarto posto come anno più caldo dal 1961 ad oggi. Come i 26
anni precedenti (escludendo solo il 1991) il 2011 è stato un
anno più caldo della norma: +1,23°C l'aumento della
temperatura media in Italia rispetto al trentennio di
riferimento 1961-1990. Nel 2011 l'anomalia della temperatura
media nel nostro paese è stata superiore a quella media
globale sulla terraferma (+0,73°C).

Sono solo alcuni dei dati pubblicati dall'Ispra (Istituto
superiore per la protezione e la ricerca ambientale), nel
VII Rapporto sul clima: "Gli indicatori del clima in Italia
nel 2011".

ANOMALIA TERMICA
L'istituto di ricerca ha registrato un'anomalia termica nel
2011, risultata più marcata a Nord che a Sud e ha toccato
picchi massimi nel mese di luglio +2,74°C al Nord, +2,41°C
al Centro, +1,45°C al Sud e sulle Isole.

Come sempre negli ultimi 20 anni (escludendo il 2005 e il
1993) il numero medio di giorni con gelo è stato inferiore
al valore normale del trentennio di riferimento. Il numero
medio di notti tropicali, cioè di giorni con temperatura
minima dell'aria maggiore di 20°C, è stato superiore al
valore normale e come sempre negli ultimi 23 anni, ad
eccezione del 1996; il numero medio di giorni estivi (+30°C)
è stato superiore alla media climatologica.

LE PRECIPITAZIONI E DEFICIT IDROLOGICO
Secondo i dati dell'Ispra, le precipitazioni nel 2011 sono
state inferiori alla media climatologica su gran parte del
territorio nazionale ad eccezione della Sicilia meridionale
e, in misura più contenuta, la Sardegna, la Calabria Ionica
e alcune aree dell'Italia settentrionale.

Nonostante la scarsità di precipitazioni che hanno causato
un deficit idrologico consistente, a fronte di lunghi
periodi di siccità nel 2011 abbiamo assistito ad eventi
estremi di precipitazione intensa. Tra questi da ricordare
gli eventi alluvionali nei mesi di ottobre e novembre che
hanno colpito Liguria e Toscana, dove alcune località hanno
registrato valori record di precipitazione su intervalli di
tempo da un'ora a 24 ore. (Public Policy)

SOR

© Riproduzione riservata