Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Cara Anac ti scrivo: lettera delle Camere a Cantone

appalti 04 agosto 2016

di Francesco Ciaraffo

ROMA (Public Policy) - L'opportunità di dare maggiore spazio ai giovani professionisti rivedendo alcune rigidità; la necessità di chiarire l'autonomia delle funzioni di controllo sui lavori; la costruzione di 'bandi tipo' che tengano maggior conto della qualità della progettazione nella definizione dell'offerta economicamente più vantaggiosa.

Sono alcune delle osservazioni delle commissioni Ambiente alla Camera e Lavori pubblici al Senato in merito a 5 linee guida Anac attuative del Codice appalti.

Le Linee guida in questione (su affidamento dei servizi attinenti all'architettura e all'ingegneria; su responsabile unico del procedimento (Rup); su offerta economicamente più vantaggiosa; su procedure per l'affidamento dei contratti pubblici di importo inferiore alle soglie comunitarie, indagini di mercato e formazione e gestione degli elenchi di operatori economici; su criteri di scelta dei commissari di gara e di iscrizione degli esperti nell'Albo nazionali), a differenza di altre, non sarebbero poste nè ad approvazione nè al parere del Parlamento, ma l'Anticorruzione ha deciso comunque di inviare i documenti alle Camere.

E le commissioni hanno deciso di rispondere all'Anac con una lettera congiunta.

continua - in abbonamento

@fraciaraffo

© Riproduzione riservata