Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

L'Anm e le sezioni per l'immigrazione: ok, ma le risorse?

giustizia 07 luglio 2016

ROMA (Public Policy) - "Ben venga l'idea del ministro, ma non possiamo raggiungere un'idea di specializzazione in Italia se non incentiviamo le risorse nei tribunali".

Lo ha detto Concetta Potito, membro della giunta esecutiva centrale dell'Anm, in audizione davanti alla commissione parlamentare d'inchiesta Migranti, in merito alla proposta del ministro della Giustizia, Andrea Orlando, di istituire sezioni specializzate in 12 tribunali distrettuali che si occupino solo di procedimenti riguardanti il fenomeno dell'immigrazione e composti da giudici esperti in materia.

"A me piacerebbe tantissimo lavorare in un tribunale specializzato ma non ce lo possiamo permettere - ha aggiunto Potito - perché nella mia sezione, a Bari, ci dobbiamo occupare di diritti fondamentali delle persone mentre trattiamo famiglia e successione di diritti reali".

Il giudice ha sottolineato che nonostante il tribunale di Bari sia "a pieno organico", è "un organico assolutamente insufficiente a far fronte a tutto, tanto da dover delegare i compiti ai giudici onorari".

"Abbiamo bisogno che si faccia chiarezza in Italia su quanti sono i fascicoli pendenti, le sopravvenienze e i fascicoli esauriti, sia per minori stranieri non accompagnati sia per i rifugiati, perché ancora non lo sappiamo. Le zone di maggiori flussi migratori che sono la Puglia, la Sicilia orientale e la Calabria - ha sottolineato - sono quelle più disgraziate".

A manifestare gli stessi dubbi Giovanni Tedesco, membro della giunta esecutiva centrale dell'Anm. Quella dell'immigrazione, spiega, "non è una materia di contenzioso che sostituisce altre materie ma si aggiunge a quelle che già gravano sui tribunali. Quindi per qualsiasi prospettiva organizzativa, tra cui l'istituzione di sezioni specializzate, il problema resta sempre lo stesso: dove prendiamo i giudici e il personale amministrativo? Li togliamo da altre cose? Non è possibile. Nessuna cosa può essere fatta a costo zero". (Public Policy) FLA

© Riproduzione riservata