Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Per gli anni di piombo non vale il diritto all'oblio

anni di piombo 22 giugno 2016

ROMA (Public Policy) - Per gli anni di piombo non vale il diritto all'oblio. È il principio sancito dal Garante privacy nel dichiarare infondato il ricorso di un protagonista di quegli anni che chiedeva la deindicizzazione di alcuni articoli, studi, atti processuali in cui erano riportati gravi fatti di cronaca che lo avevano visto coinvolto tra la fine degli anni Settanta e i primi anni Ottanta.

L'interessato che, tra detenzione e misure alternative ha finito di scontare la pena nel 2009, si era rivolto in prima battuta a Google chiedendo la rimozione di alcuni url e dei suggerimenti di ricerca che vengono visualizzati dalla funzione di "completamento automatico" digitando il nominativo nella stringa di ricerca (inserendo nome e cognome dell'interessato compare ad esempio la parola 'terrorista').

Di fronte al mancato accoglimento delle sue richieste da parte di Google - si legge in una nota dell'Authority - l'interessato ha presentato un ricorso al Garante sostenendo di non essere un personaggio pubblico ma un libero cittadino al quale la permanenza in rete di contenuti così risalenti nel tempo e fuorvianti rispetto all'attuale percorso di vita, "cagiona gravi danni dal punto di vista personale e professionale".

Nel dichiarare infondato il ricorso, l'Autorità ha rilevato che "le informazioni di cui si chiede la deindicizzazione fanno riferimento a reati particolarmente gravi, che rientrano tra quelli indicati nelle Linee guida sull'esercizio del diritto all'oblio adottate dal gruppo di lavoro dei Garanti privacy europei nel 2014, reati per i quali le richieste di deindicizzazione devono essere valutate con minor favore dalle Autorità di protezione dei dati, pur nel rispetto di un esame caso per caso".

Secondo il Garante, poi, "le informazioni hanno ormai assunto una valenza storica, avendo segnato la memoria collettiva. Esse riguardano una delle pagine più buie della storia italiana, della quale il ricorrente non è stato un comprimario, ma un vero e proprio protagonista. Inoltre, nonostante il lungo lasso di tempo trascorso dagli eventi l'attenzione del pubblico è tuttora molto alta su quel periodo e sui fatti trascorsi, come dimostra l'attualità dei riferimenti raggiungibili mediante gli stessi url".

Il Garante, ritenendo quindi prevalente l'interesse del pubblico ad accedere alle notizie in questione, ha dichiarato "infondata la richiesta di rimozione degli url indicati dal ricorrente ed indicizzati da Google".

L'Autorità ha inoltre dichiarato "non luogo a provvedere sulla rimozione dei suggerimenti di ricerca nel frattempo eliminati da Google e su un url di un articolo non più indicizzabile da quando l'archivio del quotidiano che lo aveva pubblicato è divenuto una piattaforma a pagamento". (Public Policy) GAV

© Riproduzione riservata