Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Appalti, Corte dei conti: per modificare le norme sarebbe meglio la legge ordinaria

appalti 03 luglio 2014

ROMA (Public Policy) - Per modificare le norme sugli appalti sarebbe meglio una legge ordinaria preparata da un gruppo di 'saggi', quindi dei tecnici che hanno le competenze in materia. Lo ha spiegato il presidente della Corte dei Conti, Raffaele Squitieri, a margine del convegno"Politiche di contrasto alla corruzione: il ruolo della Corte dei conti tra prevenzione e repressione".

Più che una legge delega, come prospettato dal presidente dell'Autorità anticorruzione, Raffaele Cantone, "bisognerebbe riunire i migliori tecnici degli uffici amministrativi che abbiamo e fargli scrivere una legge organica" sugli appalti. È necessario "vedere le legislazioni sulla materia degli altri Paesi europei. Noi abbiamo le professionalità adatte a fare questo lavoro", ha spiegato Squitieri. (Public Policy)

FRA

© Riproduzione riservata