Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Appalti, la norma chiave (e definitiva) del codice: l'offerta più vantaggiosa

appalti lavoro 07 marzo 2016

ROMA (Public Policy) - di Francesco Ciaraffo - "Fatte salve le disposizioni legislative, regolamentari o amministrative relative al prezzo di determinate forniture o alla remunerazione di servizi specifici, le stazioni appaltanti, nel rispetto dei principi di trasparenza, di non discriminazione e di parità di trattamento, procedono all'aggiudicazione degli appalti e all'affidamento dei concorsi di progettazione e dei concorsi di idee, sulla base del criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa individuata sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo o sulla base dell'elemento prezzo o del costo, seguendo un criterio di comparazione costo/efficacia quale il costo del ciclo di vita".

È la norma chiave e principale del dlgs Appalti, approvato nell'ultimo Cdm.

Con la norma, così come previsto dalla delega, si supera il principio del massimo ribasso. Saranno i documenti di gara a stabilire i criteri di aggiudicazione dell'offerta, pertinenti alla natura, all'oggetto e alle caratteristiche del contratto.

continua - in abbonamento

@fraciaraffo

© Riproduzione riservata