Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

L'audizione al Senato della coordinatrice antitratta dell'Unione europea

vassiliadou 22 aprile 2015

ROMA (Public Policy) - "La tratta è un problema specificatamente europeo perché per il 65% le vittime sono cittadini europei. Il 70% dei trafficanti sono cittadini europei. È un problema per cui i cittadini europei sono abusati da altri cittadini europei. Il 25% delle vittime vengono da Paesi terzi". Lo ha detto la coordinatrice antitratta dell'Unione europea, Myria Vassiliadou (nella foto), in audizione davanti alla commissione straordinaria dei Diritti umani.

"La tratta muove un giro di 150 miliardi di dollari l'anno in tutto il mondo. E spesso finanziano il terrorismo", ha poi aggiunto Vassiliadou. (Public Policy) FLA

continua - in abbonamento

© Riproduzione riservata