Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Se n'è parlato tanto, ora è stato approvato: il ddl sui magistrati

magistrati 30 marzo 2017

di Sonia Ricci

ROMA (Public Policy) - Si alza da 6 mesi a 5 anni il periodo in cui il magistrato non deve aver esercitato servizio nel territorio in cui si candida, obbligo di aspettativa, ricollocamento senza funzioni inquirenti per due anni.

Sono questi i contenuti principali del ddl sulla candidabilità e l'elezione dei magistrati, approvato in aula alla Camera. Nelle commissioni Affari costituzionali e Giustizia sono state apportate diverse modifiche al testo.

Vediamo nel dettaglio cosa prevede il ddl, che ora torna al Senato:

CANDIDABILITÀ E INCARICHI DI GOVERNO LOCALE

Il magistrato - dice il testo - non può candidarsi alle elezioni europee, politiche, regionali né provinciali, per la carica di sindaco o consigliere metropolitano, se ha svolto nei cinque anni precedenti le funzioni in un tribunale presente nella circoscrizione elettorale.

Con il ddl dunque viene alzato da 6 mesi a 5 anni il periodo in cui il giudice non può aver prestato servizio nel territorio. Stessa regola vale per le elezioni comunali.

continua -in abbonamento

@ricci_sonia

© Riproduzione riservata