Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Auto elettriche, quel dlgs un po' vago sui punti di ricarica

auto_elettriche__il_fai_da_te_6393 07 settembre 2016

ROMA (Public Policy) - "Entro il 31 dicembre 2020 è prevista la creazione di un numero adeguato di punti di ricarica" di veicoli elettrici "accessibili al pubblico". Lo stabilisce una bozza di dlgs, presa in visione da Public Policy, che, in attuazione alla legge di delegazione europea 2014, recepisce alcune direttive europee in materia.

Il numero di colonnine, non specificato, dovrà "garantire, a seconda delle esigenze del mercato, che i veicoli elettrici" circolino "almeno negli agglomerati urbani e suburbani, in altre zone densamente popolate e nelle altre reti ed ambiti individuati progressivamente, secondo i seguenti criteri: aree urbane e città metropolitane - poli e cintura - con priorità nelle aree urbane che ricadono nelle città metropolitane; città metropolitane, aree periferiche e altre aree urbane non rientranti nelle città metropolitane, strade extraurbane e statali; strade extraurbane, statali e autostrade".

"Il numero dei punti di ricarica è fissato tenendo conto anche del numero stimato di veicoli elettrici che sono immatricolati entro la fine del 2020" e "delle migliori prassi e raccomandazioni a livello europeo, nonché delle esigenze particolari connesse all'installazione di punti di ricarica accessibili al pubblico nelle stazioni di trasporto pubblico", specifica ancora il provvedimento. (Public Policy) FRA

© Riproduzione riservata