Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

AUTORICICLAGGIO, LA RELATRICE AUSPICA APPROVAZIONE ENTRO FINE LEGISLATURA

soldi 28 novembre 2012

(Public Policy) - Roma, 28 nov - Non è più argomento tabù,
ce la si può fare, almeno in un ramo del Parlamento. La
relatrice delle tre proposte di legge abbinate
sull'autoriciclaclaggio (C. 3145 Bersani, C. 3872 Naccarato,
Pd, e C. 3986 Torrisi, Pdl) Donatella Ferranti, capogruppo
Pd in commissione Giustizia alla Camera è speranzosa:

"Speriamo di poter fare le audizioni la prossima settimana e
comunque nel prossimo ufficio di presidenza cercheremo di
calendarizzare i passi da fare a breve anche per avere una
posizione che sia condivisa anche dal Governo".

Spiega Ferranti, "il Parlamento segue un iter complesso ma
l'abbiamo messo come priorità e ci è stato accordato
dall'Ufficio di presidenza quindi non è più un argomento
tabù, come fino a qualche mese fa, sotto il governo
Berlusconi".

'AUTORICICLAGGIO NON PIÙ RINVIABILE'
L'autoriciclaggio consiste nel reimpiego da parte di chi ha
già commesso un reato dei propri proventi illeciti, una
pratica attualmente non punita nel reato di riciclaggio. Per
diventarlo basterebbe togliere la 'clausola di riserva'
contenuta nel codice penale che vieta la punizione del reato
di riciclaggio di denaro, "fuori dei casi di concorso nel
reato", come previsto dalle tre proposte di legge.

Per la capogruppo Pd in
commissione Giustizia, non si può più aspettare: "Secondo
noi del Pd, e come espresso nella relazione (in commissione
il 22 novembre, ndr), l'inserimento dell'autoriciclaggio
come strumento efficace per la lotta alla criminalità
organizzata non è rinviabile. Tutti gli organismi
internazionali e nazionali ce lo chiedono".

SI CERCA UN CONSENSO AMPIO
Ma bisogna cercare l'appoggio delle altre forze di
maggioranza: "Adesso vediamo se ci sono i consensi delle
forze politiche per arrivare a un testo che potrebbe essere
molto snello - continua Ferrante - e approvato almeno da un
ramo del Parlamento prima della fine della legislatura.
Questo è il mio auspicio, bisogna vedere se c'è una
convergenza di volontà delle forze politiche soprattutto di
maggioranza, Udc e Pdl".

Conclude Ferrante, "Non si sono opposti alla
calendarizzazione. Angela Napoli di Fli si è già espressa a
favore. Faremo delle audizioni brevissime per dare ancora
più rilievo alla necessità dell'introduzione di questo
provvedimento dopo di che cercherò di sollecitare la
commissione e soprattutto le forze di maggioranza". (Public
Policy)

LAP

© Riproduzione riservata