Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

La separazione tra trading e commerciali? Inopportuna

banche 11 marzo 2015

ROMA (Public Policy) - "L'Abi ritiene che in un contesto di incertezza a livello comunitario, la definizione di una normativa nazionale sia prematura - e per certi versi inopportuna - in quanto esporrebbe il settore bancario italiano al rischio di una futura incompatibilità con la normativa europea".

Lo ha detto il direttore generale dell'Abi, Giovanni Sabatini, durante un'audizione in commissione Finanze al Senato in merito alla vigilanza europea, parlando dei ddl in merito alla separazione tra banche commerciali e banche di trading in discussione in Parlamento.

"Il tutto proprio nel momento in cui il settore bancario italiano si sta con molta dedizione adattando al nuovo contesto dell'Unione bancaria europea, fondata sull'idea che tutte le banche europee debbano essere soggette alle medesime regole", ha aggiunto. (Public Policy) FRA

© Riproduzione riservata