Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Bankitalia: calano ancora i prestiti, sofferenze stabili

Dl Imu, due emendamenti da M5s: via sia norme Bankitalia che mini rata 11 novembre 2013

Bankitalia: calano ancora i prestiti, sofferenze stabili

(Public Policy) - Roma, 11 nov - A settembre il tasso di crescita sui dodici mesi dei depositi del settore privato è stato pari al 3,7% (6,6% ad agosto). La raccolta obbligazionaria, includendo le obbligazioni detenute dal sistema bancario, è diminuita del 7,2% sui dodici mesi (-6,4% ad agosto). Sono dati della Banca d'Italia nella nota intitolata "Principali voci dei bilanci bancari".

Prestiti

I prestiti al settore privato, corretti per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, hanno registrato una contrazione su base annua del 3,5%, come quella registrata ad agosto. I prestiti alle famiglie sono scesi dell'1,1% sui dodici mesi (-1,2% ad agosto); quelli alle società non finanziarie sono diminuiti, sempre su base annua, del 4,2% (-4,6% ad agosto).

Sofferenze

Il tasso di crescita sui dodici mesi delle sofferenze (ovvero quelli la cui riscossione è a rischio poiché i debitori si trovano in stato d’insolvenza) risulta pressoché invariato (22,8% contro il 22,3% registrato ad agosto).

Tassi di interesse

I tassi d'interesse, comprensivi delle spese accessorie, sui finanziamenti erogati nel mese alle famiglie per l'acquisto di abitazioni sono stati pari al 3,97% (3,93% ad agosto); quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo al 9,52% (9,64% ad agosto). I tassi d'interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie di importo fino a 1 milione di euro sono risultati pari al 4,34 % (4,50 nel mese precedente); quelli sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia al 2,98 % (2,86 per cento ad agosto). I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono stati pari all'1,02 % (1,04 per cento ad agosto). (Public Policy)

SPE

© Riproduzione riservata