Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

BILANCIO EUROPEO, MONTI: RISULTATO SODDISFACENTE STANZIAMENTO 3,5 MILIARDI

08 febbraio 2013

(Public Policy) - Roma, 8 feb - L'Italia ottiene
l'assegnazione di fondi aggiuntivi per 3,5 miliardi di euro
sui sette anni rispetto alla prima proposta fatta da Van
Rompuy ad inizio novembre. Accanto a questa cifra va
considerato il minor onere per l'Italia di circa 600 milioni
rispetto al sistema di rebate/sconti precedente.

Il presidente del Consiglio Mario Monti, presente al
vertice Ue a Bruxelles, ha commentato positivamente
l'approvazione del bilancio europeo 2014-2020.
Più in dettaglio, il nostro Paese ha ottenuto nel corso
della fase finale del negoziato nel Consiglio europeo:

1) 1,5 miliardi aggiuntivi per lo sviluppo rurale in Italia
nel contesto della Politica agricola comune (la dotazione
complessiva per lo sviluppo rurale per l'Italia sale così a
9,26 miliardi);

2) 2 miliardi aggiuntivi per il nostro Paese sulla Politica
di Coesione, di cui 500 milioni per le aree rurali delle
Regioni meno sviluppate del Mezzogiorno e oltre 400 milioni
sul nuovo Fondo per l'occupazione giovanile in larga misura
nel Mezzogiorno.

Il Centro Nord ha avuto un significativo incremento
rispetto al precedente bilancio.

Complessivamente, rispetto al periodo precedente
(2007-2013), la dotazione dell'Italia, sul fronte coesione,
aumenta del +1% a prezzi costanti, mentre il pacchetto
globale dell'Unione europea vede un calo dell'8%.

In conclusione, il risultato di oggi consentirà un
miglioramento significativo del saldo netto medio annuo
dell'Italia rispetto al ciclo precedente. Secondo le stime
il saldo sarà di -3,8 miliardi che corrisponde al -0,23% del
Rnl (Reddito nazionale lordo), rispetto a -4,5 miliardi,
pari allo -0,28% del Rnl per il periodo 2007-13 (oppure
rispetto ai quasi -6 miliardi nel 2011). (Public Policy)

DAP

© Riproduzione riservata