Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

L'Ue sta riflettendo sulla situazione in Burundi, dice la Farnesina

burundi 25 maggio 2015

ROMA (Public Policy) - "La nostra posizione" sulla crisi in corso in Burundi "è coerente con quella dei nostri partner Ue. Abbiamo sostenuto con convinzione la decisione di scoraggiare una ulteriore candidatura del presidente Nkurunziza con costanti richiami al rispetto dei diritti umani e degli accordi di Arusha (un insieme di cinque accordi firmati nel 1993 in Tanzania dai rappresentanti delle fazioni contrapposte nella guerra civile ruandese; Ndr). A Bruxelles abbiamo inoltre più volte sostenuto l'opportunità di un chiaro segnale da dare al Burundi, specialmente se il governo continuerà sulla strada delle violazioni dei diritti umani e delle libertà fondamentali".

Lo ha detto, rispondendo a un'interrogazione del Pd in commissione Esteri alla Camera, il sottosegretario Mario Giro, in merito alle condizioni di sicurezza in Burundi in vista delle elezioni presidenziali (26 giugno 2015).

"La diplomazia Ue - ha ricordato Giro - ha convenuto sulla opportunità di inviare chiari messaggi alle autorità burundesi circa le proprie responsabilità a garanzia dell'esercizio pacifico dei diritti civili e politici e preparare scenari che prevedano una risposta Ue con misure adeguate. Si sta anche riflettendo su possibili misure sanzionatorie individuali o anche misure ex articolo 96 Trattato di Cotonou (ovvero quelle che la Ue può adottare in caso di violazioni di diritti umani)". Sempre in ambito multilaterale, l'Italia sostiene "con convinzione" l'azione dell'Onu, ha ribadito Giro.

Il Paese africano è stato teatro, lo scorso 13 maggio, di un tentativo di colpo di Stato ad opera dell'ex capo di stato maggiore Godefroid Nyombare (successivamente arrestato). Nonostante il golpe sia fallito, permane in Burundi un'atmosfera, ha sottolineato Giro, "turbolenta e contrassegnata da tensioni". Nella capitale Bujumbura proseguono infatti gli sconti tra polizia e manifestanti, e giovedì scorso sono morte almeno due persone. (Public Policy) GAV

© Riproduzione riservata