martedì, 24 aprile 2018

Lo statuto M5s a Montecitorio

Lo statuto del gruppo M5s alla Camera (marzo 2018)
bersani

Nomi e numeri del gruppo Misto: dagli ex M5s a Bersani

ROMA (Public Policy) - Sono 36 i deputati iscritti nel gruppo Misto della Camera. Si va dalla componente di Liberi e uguali, che ha...

Prime proposte di legge, prime richieste sui vitalizi (ma del Pd)

di Sonia Ricci ROMA (Public Policy) - È uno dei primi obiettivi dichiarati dal Movimento 5 stelle, da realizzare nel corso della nuova legislatura: cancellare...
pd

Il Pd ha un problema con i lavoratori del Pd

ROMA (Public Policy) - I lavoratori del Partito democratico chiedono un incontro al segretario reggente Maurizio Martina. In una lettera indirizzata allo stesso martina,...
partiti

In attesa delle consultazioni: le scelte dei partiti

di Gaetano Veninata ROMA (Public Policy) - Abbiamo due risposte (Roberto Fico e Maria Elisabetta Alberti Casellati) ma sono ancora troppe le domande: Silvio Berlusconi...
salvini

Tutti gli uomini (e le donne) di Matteo Salvini

ROMA (Public Policy) - Fedriga al Lavoro, Molteni alla Giustizia, eppoi Terzi all'Ambiente. E all'Economia? Siri o Borghi. Per gli appassionati di totoministri, se...
partiti politica elezioni

LUISS Open// Lazar e Orsina a confronto sul voto italiano

ROMA (Public Policy) - Oggi, a Parigi, all’Università di Sciences Po, si stanno riunendo studiosi francesi e italiani per commentare le elezioni politiche italiane di...
grasso leu

Mdp-Art.1, Sinistra italiana, Possibile: chi entra (e chi esce)

di Fabio Napoli ROMA (Public Policy) - Quattordici alla Camera e quattro al Senato. Sono questi i numeri della pattuglia di parlamentari che Liberi e...
legge elettorale elezioni

Elezioni 4 marzo 2018: una svolta storica?

Fino ad oggi le elezioni italiane hanno registrato un’evoluzione complessa, ma senza sostanziali rotture degli equilibri sociali ed istituzionali. Prima una Dc “compositiva e contrattualista” verso l’opposizione del Pci e poi il dualismo che ha visto governare, con costante alternanza, il centrodestra (centrato su FI) e il centrosinistra (centrato sui Ds/Pd) hanno assicurato una, pur difficile, continuità con al centro il riferimento europeo ed i valori di libertà e socialità che lo caratterizzano.Le elezioni di domenica scorsa hanno dato risultati che presentano un contesto molto diverso dal passato: per la prima volta la borghesia, il cosiddetto ceto medio, non ha una rappresentanza politica in grado di pesare nella composizione del governo
calenda

Carlo Calenda ha deciso di iscriversi al Pd

(Public Policy) - "Non bisogna fare un altro partito ma lavorare per risollevare quello che c'è. Domani mi vado ad iscrivere al @pdnetwork". Lo scrive...