Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Camera, il report di Montecitorio: aumenta il lavoro per i deputati

Camera, Giunta approva testo base nuovo regolamento 20 dicembre 2013

ROMA (Public Policy)  - I deputati della XVII legislatura lavorano di più rispetto al passato. Il lavoro è aumentato sia in commissione che in aula. È quanto emerge dal dossier 'Attività della Camera dei deputati nei 9 mesi di legislatura' (dal 15 marzo al 15 dicembre 2013), diffuso ieri ai giornalisti durante il saluto per gli auguri di Natale della presidente della Camera Laura Boldrini. Il volume, di 63 pagine, è ora scaricabile dal sito della Camera. Il dossier presenta dati comparativi delle ultime tre legislature. Nella legislatura in corso è aumentata anche l'attività di indirizzo e controllo. Quanto all'attività di sindacato ispettivo, il numero di atti presentati è superiore rispetto alla XV legislatura, ma sensibilmente inferiore a quello della XVI, nella quale tuttavia risultava inferiore il rapporto percentuale tra atti presentati e conclusi.

SINDACATO ISPETTIVO Sono state presentate 5530 interpellanze e interrogazioni (sia in aula sia in commissione) delle quali 1767 sono state concluse (31,95%). Sono le interpellanze gli atti ispettivi a maggior numero di risposta: su 342 presentate 213 sono state conclude (62,28).

SEDUTE AULA Dall'inizio della legislatura si sono svolte 138 sedute per un totale di 752 ore e 38 minuti della quali 422 ore e 15 minuti sono state dedicate all'attività legislativa; 219 ore e 29 minuti sono state dedicate all'attività di indirizzo e controllo 110 ore e 54 minuti sono state dedicate ad altre attività. Nella XVI legislatura il totale monte ore dell'attività d'aula era di 713 ore e 20 minuti, mentre nella XV di 597 ore e 39 minuti.

SEDUTE COMMISSIONI - Particolarmente attive sono state le commissioni nello svolgimentno di audizioni: 45 sono le sedute dedicate ad audizioni formali di ministri sulle linee programmatiche dei rispettivi dicasteri, 23 sono le audizioni formali di ministri, viceministri e sottosegretari dedicate ad altri argomenti; 27 sono le audizioni formali di altri soggetti e ben 213 sono le audizioni informali. Sono state 25 le indagini conoscitive deliberate dalle commissioni permanenti mentre 9 le indagini conoscitive deliberate nell'ambito dell'esame di progetti di legge o altri documenti all'esame delle Commissioni.

ATTIVITÀ LEGISLATIVA Sono state 28 le leggi approvate definitivamente dalle Camere: 7 di ratifica, 16 di conversione di decreti legge, 2 di bilancio, 2 europee, 1 istitutiva la commissione parlamentare di inchiesta sulla mafia.

I DECRETI LEGGE I primi nove mesi della legislatura hanno visto la Camera impegnata nella conversione di 20 decreti legge (3 dei quali ancora in corso). Tre dl sono stati presentati dal governo Monti e 17 del governo Letta. Tutti dl sono stati convertiti con modificazioni. Entrambi i governi hanno visto decadere un proprio dl.

I TEMPI Il decreto legge Fare è quello che ha impegnato di più la Camera con 53 ore di attività, femminicidio 18 ore e 53 minuti, Mercato del Lavoro 16 ore, dl Imu 15 ore e 12 minuti, debiti Pa ha di poco superato le 13 ore, il dl Ilva le 12. Il dl Sanità è stato approvato in appena 5 ore. Nel dossier è stata riservata particolare attenzione anche alla Biblioteca della Camera e all'apertura del Palazzo ai cittadini.

LA BIBLIOTECA La Biblioteca della Camera è insieme alla Biblioteca del Bundestag, la più grande biblioteca parlamentare europea e, a livello mondiale, una delle poche aperte al pubblico. Situata nel Palazzo del Seminario, è costituita da 17 sale di consultazione a disposizione degli utenti e di un patrimonio di circa 1 milione e 400mila volumi, oltre 2 milioni insieme a quella del Senato; 7.100 periodici cartacei (di cui 1.800 correnti),115 banche dati di diritto, economia ed attualità, 85.000 periodici ed altre pubblicazioni elettroniche. L'utenza della Biblioteca, in costante crescita dal 1988, è molto differenziata e comprende comuni cittadini, studenti e studiosi, istituzioni e centri di ricerca, con un totale di 66.000 ingressi per l'anno 2012.

PORTE APERTE AI CITTADINI Nella legislatura in corso, sono state rilasciate 74.568 autorizzazioni. È quanto si legge nel dossier nella parte dedicata ai rapporti con i cittadini. All'accesso a vario titolo (biglietti per la seduta; permessi giornalieri; accessi alla Biblioteca; permessi per dipendenti esterni; tesserini di accesso permanente; accessi alla libreria). Per quanto concerne le visite organizzate, tra il 15 marzo 2013 al 15 dicembre 2013, sono stati 780 gli istituti scolastici che hanno visitato la Camera dei deputati per un totale di oltre 42.900 studenti ed accompagnatori. Si sono svolte 239 visite di altri gruppi organizzati per un numero di 13.805 partecipanti. Nello stesso periodo, inoltre, si sono tenuti 619 convegni e manifestazioni presso le sale dei palazzi della Camera con un numero di oltre 64.198 partecipanti (754 per 81.162 per l'intero 2013). In particolare sono state effettuate otto edizioni della manifestazione "Montecitorio a porte aperte", per un totale di 8.687 visitatori. (Public Policy)

SAF

© Riproduzione riservata