Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Alla Camera ci sono quattro proposte sugli home restaurant

cucina cibo 12 settembre 2016

ROMA (Public Policy) - Dalla definizione di home restaurant alla disciplina delle modalità di avvio o cessazione dell'attività, passando per norme che riguardano i requisiti che devono possedere gli immobili destinati all'attività di ristorazione nelle abitazioni, funzioni di vigilanza e controllo e avvalimento delle piattaforme tecnologiche per far incontrare domanda e offerta.

Sono questi i punti principali trattati dalle proposte di legge alla Camera in materia di home restaurant che sono all'esame della commissione Attività produttive di Montecitorio.

Anche nel corso della scorsa settimana è proseguito, in comitato ristretto, l'esame congiunto delle 4 pdl presentate sul tema da Nino Minardo (Ncd), Azzurra Cancelleri (M5s), Lara Ricciatti (Si-Sel) e Lorenzo Basso (Pd).

Vediamo i contenuti principali:

COS'È L'HOME RESTAURANT: DEFINIZIONI, REQUISITI, LIMITI
Tutte le pdl, con formulazioni un po' diverse, definiscono l'home restaurant come l'attività non professionale, e saltuaria, di ristorazione svolta nella propria abitazione.

Anche se in affitto, dice la proposta M5s, con utilizzo di "massimo 2 camere, per un numero massimo di 10 coperti al giorno" a prescindere dal numero dei locali adibiti alla somministrazione di alimenti e di bevande. E sempre che non superi il numero massimo di 8 aperture al mese, 80 all'anno.

continua - in abbonamento

IAC

© Riproduzione riservata