Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Che fine ha fatto la regolamentazione delle lobby?

lobby 12 gennaio 2016

ROMA (Public Policy) - di Fabio Napoli - In questa legislatura se ne sono occupati sia il governo Letta che quello Renzi ma una vera regolamentazione delle lobby stenta ancora a partire.

Per ora il ddl che se ne occupa è ancora fermo in prima lettura in commissione Affari costituzionali del Senato. Dopo il quinto slittamento del termine per presentare gli emendamenti i gruppi parlamentari hanno presentato - a giugno 2015 - circa 250 emendamenti che attendono di essere votati.

Il ddl, se tutto va bene, dovrebbe essere esaminato dopo la proposta di legge sul terzo settore, in via di esame in 1a commissione.

Eppure era l'aprile del 2014 quando il governo Renzi inserì la regolamentazione delle lobby nel Piano nazionale di riforme (una delle tre parti del Def). L'esecutivo avrebbe dovuto licenziare un ddl a giugno di quell'anno, termine poi slittato a settembre.

Arrivato l'autunno il governo abbandonò il progetto di un disegno di legge governativo per puntare sui progetti depositati in Parlamento. Ancora prima ci aveva provato il governo Letta, con un apposito ddl governativo, più volte approdato in Cdm e mai uscito da Palazzo Chigi.

Il ddl dell'esecutivo, dopo diversi tavoli di lavoro, sembrava essere pronto per essere licenziato quando il 5 luglio 2013 l'allora premier Enrico Letta annunciò il rinvio e la decisione di affidare al ministro per gli Affari europei Enzo Moavero Milanesi il compito di fare "una ricognizione sulla regolamentazione delle lobby a livello europeo" che non venne mai portata a termine.

continua - in abbonamento

@ShareTheRoadFab

© Riproduzione riservata