Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Chi farà cosa nella nuova Commissione Ue

ue 10 settembre 2014

ROMA (Public Policy) - Il ministro degli Esteri Federica Mogherini Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza comune; il socialista francese Pierre Moscovici agli Affari economici e monetari; l'ex premier finlandese Jyrki Katainen vicepresidente con delega a Lavoro, crescita, investimenti e competitività. Sono alcuni dei nomi che compongono la Commissione targata Jean-Claude Juncker, presentata ufficialmente in conferenza stampa a Bruxelles.

I VICEPRESIDENTI Gli altri vicepresidenti, oltre a Katainen, sono cinque: il primo è il ministro degli Esteri olandese, laburista, Frans Timmermans; con delega al Budget, la politica bulgara Kristalina Georgieva; con delega all'Energia, l'ex premier slovena Alenka Bratusek; con delega al Dialogo sociale, l'ex premier lettone Valdis Dombrovskis; a occuparsi di Agenda digitale, infine, il presidente del Partito riformista estone, anch'egli ex primo ministro, Andrus Ansip.

I COMMISSARI Sono venti in tutto, compreso Moscovici. Nel dettaglio: la ceca Vera Jourova alla Giustizia; il tedesco Günther Oettinger (ex Energia) all'Economia digitale; l'olandese Marianne Thyssen agli Affari sociali; Corina Cretu, rumena, alle Politiche regionali; il conservatore austriaco Johannes Hahn si occuperà delle Politiche di vicinato; l'ex sindaco di Atene Dimitris Avramopoulos si occuperà di Affari interni; Vytenis Andriukaitis, lituano, va alla Salute; il conservatore inglese Jonathan Hill si occuperà di Stabilità finanziaria; Elzbieta Bienkowska, polacca, di Mercato interno; il popolare Miguel Arias Cañete di Clima; Neven Mimica, croato, si occuperà di cooperazione internazionale; la liberale danese Margrethe Vestager va alla Competitività; lo slovacco Maros Sèfcovic ai Trasporti; la svedese Cecilia Malmstrom (ex commissario agli Affari interni) si occuperà di Commercio.

E ancora: il laburista maltese Karmenu Vella va agli Affari marittimi; il conservatore ungherese Tibor Navracsics si occuperà di Educazione; Carlos Moedas, portoghese, di Ricerca; l'irlandese Phil Hogan va all'Agricoltura; infine, il cipriota Christos Stylianides si occuperà di Gestione delle crisi e aiuti umanitari. (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata