Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Cinema, la riforma Pd per cambiarlo: dal centro nazionale alla tassa sui biglietti

cinema 23 ottobre 2015

ROMA (Public Policy) - Un Centro nazionale del cinema e delle "espressioni" audiovisive con sede a Roma (formato da un presidente, un consiglio di amministrazione, un direttore, un comitato direttivo e un collegio dei revisori dei conti), con il compito di far nascere nuovi cinema - ma anche "modernizzare" le sale già esistenti - e creare, produrre, distribuire e pubblicizzare le nuove opere cinematografiche e audiovisive.

Non solo, al nuovo istituto dovrà essere affidato il 'Registro' delle opere (che dal 1938 è in capo alla Siae).

Come verrà finanziato? Lo Stato stanzierà per il primo anno 5 milioni di euro, i cittadini invece lo finanzieranno attraverso una "tassa" di scopo sui biglietti d'ingresso al cinema (stessa cosa varrà per gli editori televisivi, a cui sarà imposto un "prelievo" sul fatturato annuale).

È questa la proposta di riforma del settore cinematografico del Partito democratico contenuta nella legge quadro (per "il riassetto e la valorizzazione delle attività cinematografiche e audiovisive") a firma della senatrice Rosa Maria Di Giorgi, all'esame in prima lettura in commissione Istruzione al Senato.

Le nuove regole, previste dal ddl all'inizio dell'iter parlamentare, si applicheranno ai film e alle opere audiovisive (realizzati con tecnologie di qualunque natura, anche sperimentali), "diffuse" e "distribuite" non solo nei cinema, ma anche attraverso "servizi online" e "telefonici".

continua - in abbonamento

SOR

© Riproduzione riservata