Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

"Vietato tagliare l'acqua agli utenti morosi", dice il Senato

acqua 17 settembre 2015

ROMA (Public Policy) - di Fabio Napoli - Agli utenti morosi deve essere comunque garantito "il quantitativo minimo vitale di acqua necessario al soddisfacimento dei bisogni fondamentali di fornitura". Dunque, tagliare l'acqua agli utenti morosi non sarà più possibile.

È stato approvato in commissione Ambiente del Senato l'emendamento del relatore, Stefano Vaccari (Pd), al ddl collegato ambientale.

La norma, che era stata soppressa dal ddl nel corso dell'esame alla Camera, viene quindi reintrodotta al Senato.

L'emendamento in questione stabilisce che "l'Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il servizio idrico", sulla base di princìpi e criteri da individuare con un decreto del presidente del Consiglio dei ministri, "adotta direttive per il contenimento della morosità degli utenti del servizio idrico integrato, da emanare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, assicurando che sia salvaguardata, tenuto conto dell'equilibrio economico e finanziario dei gestori, la copertura dei costi efficienti di esercizio e investimento e garantendo il quantitativo minimo vitale di acqua necessario al soddisfacimento dei bisogni fondamentali di fornitura per gli utenti morosi".

Diversi subemendamenti approvati hanno subordinato ad una intesa in sede di Conferenza unificata l'emanazione dei princìpi e dei criteri ai quali le direttive dell'Autorità dovranno uniformarsi.

A favore di questa norma, in fase di audizione, era intervenuta la stessa Autorità per l'energia elettrica, il gas e il servizio idrico, sottolineando come "la normativa primaria di riferimento non definisce il novero dei clienti che, per ragioni di carattere sociale, non possono essere disalimentati neppure in caso di perdurante morosità"; e che "non appare definita nella normativa vigente una disciplina idonea a tenere in adeguata considerazione il crescente fenomeno della cosiddetta 'morosità incolpevole' ma dettata da necessità oggettive". (Public Policy)

@ShareTheRoadFab

© Riproduzione riservata