Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Come cambia il ministero del Lavoro dopo il Jobs act

poletti 26 ottobre 2016

ROMA (Public Policy) - Necessità di rideterminare la struttura del ministero del Lavoro alla luce dell'istituzione, con il Jobs act, dell'Ispettorato del lavoro e dell'Anpal, l'Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro.

È quanto stabilisce un decreto del ministero guidato da Giuliano Poletti trasmesso al Parlamento per il parere delle commissioni.

Il provvedimento, come spiega la relazione illustrativa, ridetermina la dotazione organica del ministero, in particolare delle strutture di livello dirigenziale generale (Segretariato generale e Direzioni generali), nell'ambito delle quali sono individuati i corrispondenti uffici dirigenziali non generali (Divisioni), e le relative funzioni e attribuzioni.

continua -in abbonamento

FRA

© Riproduzione riservata