Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Dl Competitivita', Pd: Iva sui servizi postali negoziati individualmente

poste 18 luglio 2014

ROMA (Public Policy) - Eliminare l'esenzione Iva per i servizi postali che, pur rientrando nel servizio universale, sono "stati negoziati individualmente". Lo propone un emendamento del Pd al dl Competitività, riformulato e tra i 'segnalati', presentato nelle commissioni Industria e Ambiente al Senato, a prima firma Salvatore Tomaselli e che sarà votato presumibilmente la prossima settimana.

L'emendamento, omologando la normativa italiana con quella europea, stabilisce che sono escluse dall'esenzione Iva "le prestazioni di servizi e le cessioni di beni ad esse accessorie, le cui condizioni siano state negoziate individualmente". Viene inoltre stabilito che "le disposizioni si applicano a decorrere dall'entrata in vigore della presente legge. Sono fatti salvi i comportamenti posti in essere fino a tale data dal soggetto obbligato a fornire il servizio postale universale (ovvero Poste italiane; Ndr) in applicazione della norma di esenzione previgente".

La modifica è una risposta alla sentenza dell'Antitrust di aprile 2013 con cui l'Autorità garante della concorrenza e del mercato ha stabilito che "Poste, non applicando l'imposta sul valore aggiunto su quei servizi che, pur rientrando nel servizio universale, vengono negoziati individualmente, ha abusato della propria posizione dominate in violazione della normativa comunitaria". L'Antitrust aveva dato 180 giorni di tempo per modificare la normativa e applicare l'Iva anche sui servizi postali liberalizzati. Poste aveva fatto ricorso al Tar del Lazio, che però a febbraio del 2014 ha dato ragione all'Antitrust.

L'emendamento del Pd quindi dovrebbe andare a sanare questa situazione, omologando la normativa italiana in materia a quella europea. Da quanto si apprende, rientrano nei servizi postali del servizio universale, non in riserva, e quindi teoricamente erogabili anche da soggetti diversi da Poste Italiane, ai quali la società concessionaria dovrà applicare l'Iva: la posta massiva, la posta raccomandata, la posta assicurata, la pubblicità diretta per corrispondenza (posta target). Si tratta di servizi negoziati individualmente. (Public Policy)

VIC

© Riproduzione riservata