Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Congresso Radicali, Staderini: Basta con la flagranza criminale dello Stato

congresso radicali, staderini: basta con la flagranza criminale dello stato 31 ottobre 2013

congresso radicali, staderini: basta con la flagranza criminale dello stato

(Public Policy) - Roma, 31 ott - Basta con la flagranza criminale dello Stato. Il convegno organizzato al Senato dai Radicali, nel 2011, sull'emergenza carceri, fu la "prima presa d'atto istituzionale della condizione del nostro Paese. Una questione che deve essere centrale non solo in Italia, perchè ci ritroviamo a fare i conti con un elemento di crisi generale, di cui l'Italia è uno dei punti massimi tra le democrazie compiute: ovvero è uno Stato in cui le leggi vengono costantemente violate nella consapevolezza delle istituzioni e nell'assenza di provvedimenti che permettano di uscire da questa condizione, appunto, di flagranza criminale".

Lo dice il segretario di Radicali Italiani Mario Staderini, durante l'incontro di apertura del XII congresso del partito, che si svolgerà a Chianciano, al centro congressi Excelsior, da oggi al 3 novembre. Il congresso dovrà eleggere un nuovo segretario. Sarà presente, o almeno così ha annunciato nei giorni scorsi a Radio Radicale, anche il leader Marco Pannella. "Nel momento in cui i diritti sono persi - prosegue Staderini - tutto rischia di essere perso. E allora oggi ci ritroviamo qui dopo che nell'ultimo anno sono accaduti una serie di eventi che a mio avviso necessitano di un approfondimento: il messaggio di Napolitano al Parlamento; la sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo a gennaio, che ci ha condannato per il sovraffollamento carcerario; gli interventi della Corte costituzionale; le critiche del Consiglio d'Europa".

IL PROGRAMMA DELLA PRIMA GIORNATA
Quella di Staderini è solo l'introduzione al primo incontro della 4 giorni radicale, dal titolo: "Legalità costituzionale dietro le sbarre. Dalla condanna di Strasburgo al messaggio del Quirinale agli obblighi costituzionali gravanti sui poteri dello Stato (Parlamento, Governo, Corte costituzionale, giudici)". Interverranno Vladimiro Zagrebelsky, Glauco Giostra(membro Csm), Andrea Puggiotto (ordinario di Diritto costituzionale), Mauro Palma (ex presidente del Comitato contro la tortura del Consiglio d'Europa) e il senatore Luigi Manconi (presidente della Commissione diritti umani).

Alle 18 si apriranno ufficialmente i lavori, con il ministro degli Esteri Emma Bonino che introdurrà l'intervento del presidente dell'Alde (Alleanza dei liberali e democratici per l'Europa) Guy Verhofstadt. (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata