Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

CONSIGLIO DEI MINISTRI, LE DECISIONI PRESE OGGI: DAL TAP AL PONTE DI MESSINA

26 febbraio 2013

(Public Policy) - Roma, 26 feb - Durante il Consiglio dei
ministri di oggi sono stati approvati il ddl per la
realizzazione del gasdotto Tap, il nuovo statuto Aero club
Italia e il decreto presidenziale su due referendum
consultivi in Veneto. Inoltre, c'è stata la relazione sul
ponte sullo Stretto di Messina e la proroga dello stato di
emergenza per Cosenza e Potenza.

GASDOTTO TAP
È stato approvato il ddl che ratifica l'accordo tra
Albania, Grecia e Italia sul progetto "Trans adriatic
pipeline", per realizzare il gasdotto Tap.

"L'accordo - si legge - è per l'Italia un importante
strumento per diversificare le fonti energetiche e i
fornitori di energia, con positive ricadute dal punto di
vista della sicurezza energetica". L'intesa è stata siglata
dai 3 Paesi lo scorso settembre a New York.

IL PONTE SULLO STRETTO
A Palazzo Chigi il ministro delle Infrastrutture Corrado
Passera ha svolto inoltre una relazione sul ponte sullo
stretto di Messina. In particolare, la relazione ha
evidenziato che il contraente generale è receduto dal
contratto a novembre 2012 e, in seguito, ha impugnato di
fronte al Tar del Lazio la nota con cui lo Stretto di
Messina Spa si opponeva al recesso.

L'AERO CLUB ITALIA
Il Consiglio dei ministri, dopo il parere del Consiglio di
Stato, ha approvato definitivamente il nuovo statuto
dell'Aero Club Italia e lo statuto dei club federati.

PROROGATO LO STATO DI EMERGENZA A COSENZA E POTENZA
Su proposta del presidente del Consiglio è stato poi
prorogato di 60 giorni lo stato di emergenza per le zone in
provincia di Cosenza e Potenza, colpite da un sisma il 26
ottobre scorso. La proroga, secondo la nota, sarebbe
necessaria per permettere ai Prefetti delle due province di
poter svolgere le funzioni di commissari delegati.

DUE REFERENDUM
È stato approvato anche un decreto presidenziale che
prevede due referendum consultivi per il passaggio del
Comune di Pieve Cadore dal Veneto al Friuli e il passaggio
del Comune di Taibon Agordino dal Veneto al Trentino. Le
votazioni ci saranno il 22 aprile prossimo.

CASTELLO DI UDINE E UNUCI
È stato approvato, infine, non solo il provvedimento sul
trasferimento del Castello di Udine dallo Stato alla Regione
(autorizzata poi a trasferirlo al Comune), ma anche il
regolamento che privatizza l'Unione nazionale degli
ufficiali in congedo d'Italia (Unuci). L'Unuci è un ente
pubblico non economico vigilato dal ministero della Difesa.
(Public Policy)

DAP

© Riproduzione riservata