Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

CONSUMI, ISTAT: A MARZO SESTO RALLENTAMENTO CONSECUTIVO DEI PREZZI

29 marzo 2013

L'INFLAZIONE ACQUISITA PER IL 2013 È PARI ALL'1%
(Public Policy) - Roma, 29 mar - L'inflazione continua a
rallentare. A marzo, secondo le stime preliminari Istat,
l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera
collettività (Nic), al lordo dei tabacchi, aumenta dello
0,3% rispetto al mese precedente e dell'1,7% nei confronti
di marzo 2012 (era +1,9% a febbraio).

E' il sesto rallentamento consecutivo dell'inflazione ed è
dovuto soprattutto alla frenata della crescita su base annua
dei prezzi dei beni energetici non regolamentati (+0,2%, dal
+2,9% di febbraio).

L'inflazione acquisita per il 2013 è pari all'1,0%.
A contribuire all'aumento congiunturale dell'indice sono,
in particolare, i rialzi su base mensile dei prezzi dei
servizi relativi ai trasporti (+1,7%) e dei servizi
ricreativi, culturali e per la cura della persona (+0,7%),
dovuti per lo più a fattori di carattere stagionale.
A marzo l'inflazione di fondo, calcolata al netto dei beni
energetici e degli alimentari freschi, scende all'1,4% (era
+1,5% a febbraio).

Al netto dei soli beni energetici, la crescita tendenziale
dell'indice dei prezzi al consumo resta stabile all'1,5%.
Rispetto a marzo 2012, il tasso di crescita dei prezzi dei
beni scende all'1,7%, dal 2% di febbraio, e quello dei
prezzi dei servizi si stabilizza sullo stesso valore.
Pertanto, il differenziale inflazionistico tra beni e
servizi si azzera.

I prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza dai
consumatori aumentano dello 0,1% su base mensile e del 2% su
base annua, in ulteriore rallentamento dal 2,4% di febbraio.
L'Istituto nazionale di statistica precisa che, secondo le
stime preliminari, l'Indice armonizzato dei prezzi al
consumo (Ipca) aumenta del 2,3% su base mensile e dell'1,8%
su base annua, con una decelerazione di due decimi di punto
percentuale rispetto al valore registrato a febbraio (+2%).
Il rialzo congiunturale è in larga parte dovuto alla fine
dei saldi invernali, di cui il Nic non tiene conto.(Public
Policy)

SPE

© Riproduzione riservata