Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Consumo del suolo, il testo è pronto. Ma si va a gennaio

AMBIENTE, RISOLUZIONE REALACCI: GOVERNO STANZI 500MLN L'ANNO PER DIFESA SUOLO 22 dicembre 2014

ROMA (Public Policy) - In commissione Ambiente e Agricoltura della Camera - all'interno del comitato ristretto - è stata proposta una nuova riformulazione del testo base sul consumo del suolo, avanzata dai relatori Chiara Braga e Massimo Fiorio, entrambi del Pd. Su richiesta dei deputati del Movimento 5 stelle, Sel, Scelta civica e Lega Nord l'adozione è stata rimandata alla ripresa dei lavori a gennaio.

"La nuova proposta, così come ci eravamo impegnati a fare con il comitato ristretto - spiega in una nota Braga, responsabile ambiente del Partito democratico - raccoglie alcune indicazioni emerse dal dibattito svolto in questi mesi in commissione e dalle recenti audizioni con i ministri Galletti e Martina, con l'obiettivo di riprendere in maniera spedita l'iter della proposta di legge. Il rinvio richiesto oggi da alcuni gruppi determina purtroppo un ulteriore slittamento della nuova fase emendativa; ci auguriamo però che a gennaio si superino anche queste resistenze e si possa procedere rapidamente alla discussione, arrivando all'approvazione della legge".

Massimo De Rosa, deputato del Movimento 5 stelle in commissione Ambiente, respinge però le accuse di voler rallentare l'iter della legge: "dopo 8 mesi di stallo perché il Pd aveva una idea non univoca sul consumo del suolo oggi ci hanno proposto un nuovo testo base con la pretesa di procedere subito con la sua adozione senza darci nemmeno il tempo di leggerlo - ha spiegato a Public Policy - Siamo d'accordo con l'accelerazione ma vogliamo almeno il tempo di leggere il nuovo testo, anche perché ci siamo già accorti che c'è una definizione non soddisfacente di superficie agricola e che si estende ai piani attuativi la non applicabilità delle nuove norme, che già era stata pensata per i permessi abilitativi in essere".(Public Policy)

NAF

© Riproduzione riservata