Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Contraffazione, Tajani: convinciamo la Germania su proposta 'Made in' europea

contraffazione 27 gennaio 2014

ROMA (Public Policy) - "Nell'ambito della nostra proposta normativa sulla tracciabilità dei prodotti all'articolo 7 abbiamo introdotto la tracciabilità del made in per tutti i prodotti realizzati in Europa e commercializzati fuori". Lo dice il vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani al convegno 'Lotta alla contraffazione e rilancio della crescita, in Sala Zuccari, al Senato.

Tajani riferisce che "c'è qualche resistenza da parte di stati membri, della Germania e della Gran Bretagna", e sulla posizione tedesca spiega: "Considerano che il made in europeo potrebbe rendere più debole il made in tedesco. La Germania apprezza il principio ma non condivide l'impostazione del codice doganale: mentre noi ci rifacciamo all'ultima trasformazione (per assegnare il made in Italy; Ndr) per la Germania conta la trasformazione più importante, non l'ultima".

Aggiunge Tajani, "il dibattito è aperto e c'è bisogno che l'Italia sostenga la posizione della Commissione europea, è l'appello che lancio alle forze politiche affinché convincano i nostri amici tedeschi della bontà della proposta, se si arrivasse a un accordo si potrebbe farla già approvare in questa legislatura". Conclude Tajani: "I dati sulla contraffazione sono allarmanti. Intendiamo fare una politica industriale che non sia naif che faccia crescere il nostro tessuto industriale. Noi facciamo anche politica sociale, l'economia sociale di mercato è il faro della nostra politica e queste azioni vanno nella direzione di tutelare i nostri cittadini". (Public Policy)

LAP

© Riproduzione riservata