Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Crisi, Fassina: poca consapevolezza che siamo su Titanic

fassina 07 marzo 2014

ROMA (Public Policy) - "Riprendiamo oggi un cammino in una fase molto complicata, per affrontare i nodi di fondo in un tornante difficilissimo. Il primo punto è: mi pare ci sia scarsissima consapevolezza nel circuito mediatico e politico sui rischi di rottura e pericolo in cui ci troviamo. Una situazione che è come il Titanic, sulla punta del'iceberg". Lo ha detto l'ex viceministro dell'Economia Stefano Fassina durante il convegno "Titanic Europa? Invertire la rotta dell'euro per lo sviluppo e il lavoro", promosso dall'area cuperliana del Pd.

"La rotta mercantilista che si sta portando avanti è una rotta insostenibile e c'è scarsa consapevolezza di questo - dice Fassina - La crisi in Europa è peggiore di quella del 1929. E stiamo aumentando il debito pubblico sulle spalle dei nostro figli. Chi, come me, critica, lo fa perché vuole ridurre il debito pubblico mentre chi dice di volerlo ridurre continua su questa rotta che porterà, io penso, a una situazione insostenibile". "La rotta mercantilista - ribadisce - non può funzionare: non possiamo crescere tutti con le esportazioni". (Public Policy)

VIC

© Riproduzione riservata