Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Il ddl Caporalato è pronto per l'aula: cosa prevede

agricoltura 22 luglio 2016

di Francesco Ciaraffo

ROMA (Public Policy) - Fino a sei anni di carcere per chi è giudicato colpevole del reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, cioè di caporalato.

La commissione Agricoltura al Senato ha approvato il ddl Caporalato, di iniziativa governativa, che ora è pronto per l'aula (è probabile che l'esame inizi già la prossima settimana).

Rispetto al testo presentato dal governo, la novità principale riguarda il reato di caporalato definendo anche una responsabilità per le imprese che impiegano mano d'opera in condizioni di sfruttamento.

Come detto, è punito con la reclusione da uno a sei anni e con la multa da 500 a 1.000 euro per ciascun lavoratore reclutato, chiunque recluta manodopera per destinarla al lavoro presso terzi in condizioni di sfruttamento, approfittando dello stato di bisogno dei lavoratori e chi utilizza, assume o impiega manodopera, anche mediante l'attività di intermediazione di caporali, sottoponendo i lavoratori a condizioni di sfruttamento ed approfittando del loro stato di bisogno.

continua - in abbonamento

@fraciaraffo

© Riproduzione riservata