Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Ddl Concorrenza, bozza: escludere la posta massiva dal servizio universale

poste 03 ottobre 2014

ROMA (Public Policy) - "Limitare il perimetro del servizio universale, e in particolare escludere i servizi di posta massiva e raccomandate non retail". È una delle proposte sul servizio postale contenute nella bozza di ddl Concorrenza, di cui Public Policy è in possesso, contenente le indicazioni date dai ministeri e dall'Antitrust per la stesura del disegno di legge. Il documento, non un vero e proprio articolato, contiene ipotesi di intervent a seconda dei vari settori elencati, con in calce a ogni proposta "osservazioni e criticità".

Per quanto riguarda le Poste, oltre all'intervento già ricordato, si propone di: "Consentire che il servizio universale sia modulato in maniera flessibile, introducendo un obbligo di valutazione di efficienza e qualità del servizio universale in sede regolatoria; rendere maggiormente trasparenti le tariffe per i prodotti editoriali e le stampe propagandistiche; eliminare la riserva postale sulle notifiche di atti giudiziari". Relativamente a queste misure, tuttavia, alcune osservazioni in nota avvertono: "andrebbero valutati preliminarmente gli effetti e la compatibilità con l'operazione di privatizzazione in atto".(Public Policy) LEP

© Riproduzione riservata