Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Ddl Concorrenza, le norme sull'Rc auto dividono il Pd

auto 01 luglio 2016

di Viola Contursi

ROMA (Public Policy) - Come previsto, è slittato direttamente alla prossima settimana il seguito dell'esame del ddl Concorrenza in commissione Industria al Senato. Il motivo ufficiale è la mancanza di pareri espressi dalla commissione Bilancio di Palazzo Madama sugli ultimi emendamenti che restano da votare.

In realtà è ancora in atto il confronto interno alla maggioranza, e in particolare nel Pd, sull'articolo 7 del provvedimento che, nella versione uscita dalla Camera prevedeva una scontistica ulteriore sull'Rc auto (una percentuale di sconto minima fissata dall'Ivass) per gli automobilisti virtuosi (ovvero che non hanno fatto incidenti negli ultimi 5 anni) che abitano in regioni ad alto tasso di incidenti, come quelle del sud e in particolare la Campania.

I relatori del ddl Concorrenza al Senato hanno presentato, ormai mesi fa, un emendamento, ancora da votare, che elimina questa previsione di sconto minimo per i meridionali 'virtuosi' (comma 2 dell'articolo 7) anche definita "tariffa Italia" prevedendo invece che, sempre l'Ivass, debba definire, "tenuto conto dei premi più elevati applicati nelle province" ad alto tasso di sinistrosità e con premio medio più elevato "e di quelli praticati nelle altre province a più bassa sinistrosità ad assicurati con le medesime caratteristiche soggettive e collocati nella medesima classe di merito", "i criteri e le modalità finalizzati alla determinazione da parte delle imprese di assicurazione di uno sconto, aggiuntivo e significativo da applicare ai soggetti residenti nelle province" con monti incidenti e dove quindi l'Rc auto costa di più.

Una versione, questa, che non piace, oltre che all'opposizione, anche a parte del Pd, sia al Senato ma soprattutto alla Camera. Proprio per questo giovedì si è tenuta al ministero dello Sviluppo economico una riunione di maggioranza. E da subito sono emerse le divergenze.

In una nota, ad esempio, i senatori campani del Pd Vincenzo Cuomo e Pasquale Sollo, dichiarano: "È stata convocata per oggi una riunione al ministero per lo Sviluppo Economico in ordine alla vicenda tariffe Rc Auto: noi non intendiamo partecipare. La motivazione è semplice: crediamo che vada, preventivamente rispetto a qualsivoglia discussione, ritirato l'emendamento dei relatori che appare come un vero e proprio atto di cortesia verso le lobbies delle assicurazione. Tale emendamento cancella la tariffa Italia e modifica in senso peggiorativo per i cittadini automobilisti napoletani l'eguaglianza tariffaria per le polizze assicurativa Rca a parità di virtuosità approvata con l'articolo 7 del ddl Concorrenza approvato in prima lettura alla Camera dei deputati".

"Bisogna rimuovere questo macigno dalla discussione - concludono Cuomo e Sollo - perché posizione così sbilanciate a favore di interessi privati e a danno di interessi pubblici non possono essere accettati".

Pronta è arrivata la risposta del presidente della commissione Industria, Massimo Mucchetti (sempre Pd): "Spiace ascoltare dichiarazioni come quelle che oggi hanno rilasciato senatori campani del Pd a proposito della diversificazione delle tariffe delle Rc auto in base alla diversa rischiosità dei territori. Si può condividere la posizione dei relatori, e io la condivido, e si può anche non condividerla, ma non è accettabile attribuirla ad una sudditanza alla cosiddetta 'lobby delle assicurazioni'".

"I colleghi - aggiunge Mucchetti - dovrebbero ricordare che la differenziazione territoriale è in uso in tutta Europa. Dovrebbero anche sapere che una legge che promuova e tuteli la concorrenza non può mettere capo in modo surrettizio a un sistema di prezzi amministrati. Se questo è il loro obiettivo - non so quanto consapevole - aprano un confronto politico a tutto campo sul ruolo del governo, delle autorità indipendenti, delle imprese, se ne hanno gli argomenti, nel partito e nella maggioranza, anziché fuggire da riunioni dove si svolge un confronto di merito, come quella che si è tenuta al Mise".(Public Policy)

@VioC

© Riproduzione riservata