Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Ddl Corruzione, dopo due anni arriva in aula. Come cambiano le pene

mafia 20 marzo 2015

ROMA (Public Policy) - di Sonia Ricci - Dopo quasi due anni dall'assegnazione del disegno di legge a firma Pietro Grasso in commissione Giustizia al Senato, le nuove norme anticorruzione sono approdate in aula, con la relazione (giovedì pomeriggio) del relatore, Nico D'Ascola (Ap). Successivamente il provvedimento dovrà passare alla Camera per la seconda lettura. La commissione ha approvato il testo che, tra le altre cose, contiene le nuove norme sul falso in bilancio prevedendo l'aumento delle pene - per società quotate e non - e senza le soglie di punibilità.

Durante il passaggio in commissione, però, sono state aumentate le pene anche per alcuni reati di corruzione: in atti giudiziari, per induzione, peculato e corruzione propria. Ma non solo, perché con un emendamento del governo è stato aumentato - fino a un massimo di 26 - il carcere perché chi commette il reato di associazione mafiosa.

SALGONO PENE PER CORRUZIONE PROPRIA Salgono a sei e dieci anni le pene (minima e massima) per i pubblici ufficiali che compiono il reato di corruzione propria. Dunque aumenta il carcere per il reato previsto dall'articolo 319 del codice penale: "Il pubblico ufficiale - si legge nella norma così come modificata - che, per omettere o ritardare o per aver omesso o ritardato un atto del suo ufficio, ovvero per compiere o per aver compiuto un atto contrario ai doveri di ufficio, riceve, per sé o per un terzo, denaro od altra utilità, o ne accetta la promessa" è punito con la reclusione da sei a dieci anni (invece che 4 e 8).

SE IN ATTI GIUDIZIARI MAX 12 ANNI Aumenta la pena per la corruzione in atti giudiziari: dunque passa da 4 a 10 anni di reclusione a 6 e 12 anni. Inoltre, l'emendamento prevede che se dal fatto deriva l'ingiusta condanna di qualcuno alla reclusione non superiore a 5 anni, la pena prevista va da un minimo di 6 a un massimo di 14 anni di carcere (e non più da 5 a 12); se deriva l'ingiusta condanna superiore a 5 anni o all'ergastolo, la pena della reclusione sarà da 8 a 20 anni (e non più da 5 a 20).

SE 'PER INDUZIONE' MAX 10 ANNI E 6 MESI Cambia il reato di corruzione per induzione. La modifica prevede che la pena minima sia di 6 anni e la massima di 10 anni e 6 mesi. Il testo originario del Codice penale prevede invece una reclusione da tre a otto anni.

CAMBIANO PENE ASSOCIAZIONE MAFIOSA Come detto, è stato approvato un emendamento del governo che prevede pene più severe per chi commette il reato di associazione di tipo mafioso, aumentando la pena massima fino a 26 anni. La modifica approvata a maggioranza prevede per coloro che fanno parte di un'associazione mafiosa la reclusione da 10 a 15 anni, invece che 7 e 12. Per coloro, invece, che "promuovono, dirigono o organizzano l'associazione" la pena prevista è da 12 a 18 anni (invece che 9 e 14). Se l'associazione è armata si applica la pena della reclusione da 12 a 20 anni (e non più da 9 a 15 anni); per i boss delle associazioni mafiose armate da 15 a 26 anni (invece che da 12 a 20). (Public Policy)

continua - in abbonamento

@ricci_sonia

© Riproduzione riservata