Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

A che punto è il ddl sul reato di tortura

tortura 12 giugno 2015

ROMA (Public Policy) - Riportare il ddl sul reato di tortura alla formulazione uscita da Palazzo Madama in prima lettura oltre un anno fa. È questo - in estrema sintesi - come spiegato a Public Policy dal capogruppo in commissione Giustizia al Senato, Giuseppe Lumia - l'intento dei circa dieci emendamenti Pd presentati al disegno di legge che introduce nel nostro ordinamento il reato di tortura.

Dunque il ddl - sul quale sono stati presentati 86 emendamenti - si avvia verso una seconda lettura anche alla Camera (sarebbe il quarto passaggio parlamentare). Il provvedimento era stato approvato dalla Camera lo scorso 9 aprile, dopo una decisa accelerazione causata dall sentenza della Corte di Strasburgo sui fatti della Diaz. La volontà di riportare il testo alla originaria formulazione del Senato era emersa abbastanza trasversalmente - come riportato da Public Policy - già nelle prime fasi del dibattito in 2a commissione, ai primi di maggio.

Adesso è lo stesso Lumia a confermare: "Tutti i nostri emendamenti vanno nella direzione di riportare il testo così come uscito in 1a lettura dal Senato. In particolare - ha aggiunto - per fare in modo che il reato di tortura commesso dai pubblici ufficiali sia una aggravante e per fare in modo che questo tipo di reato sia esteso alle organizzazioni mafiose che praticano queste condotte". (Public Policy) NAF

© Riproduzione riservata