Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

DEF, SANGALLI (PD): PAGHIAMO PRIMA LE IMPRESE POI LE BANCHE

0005-SL 27 marzo 2013

0005-SL

(Public Policy) - Roma, 27 mar - "Prima le imprese, poi le
banche che hanno rapporti pro solvendo con le imprese, e per
ultimo, le banche che hanno rapporto pro soluto".

Questa la proposta di Gian Carlo Sangalli, Pd, componente
della commissione Speciale del Senato che sta discutendo la
nota di aggiornamento del Def sui 40 miliardi di pagamenti
arretrati della Pa alle imprese. "Troviamo il modo di
compensare le banche con emissioni di buoni del Tesoro"
propone Sangalli che precisa: "Oggi l'emergenza è dare
liquidità alle imprese e patrimonio alle banche".

Sangalli ritiene anche che sia necessario, nel decreto che
il Governo dovrà preparare, precisare quali saranno le
Amministrazioni pubbliche interessate e il criterio con il
quale le imprese dovranno essere pagate. Per il senatore Pd
è importante inserire un "vincolo" a pagare.

Per Sangalli, è importante che il Governo "ci dia una
valutazione quantitativa dell'effetto di una manovra di
questo tipo sul Pil, perché si modifica il denominatore del
rapporto debito/Pil".

Sangalli chiede anche che ci sia un impegno in sede europea
per negoziare "le modalità con cui far riconoscere e pagare
il nostro debito, un intervento più agile sullo stock". Un
esempio, "che sta funzionando meglio" spiega Sangalli, è la
Spagna. Alla riunione sta prendendo parte per il Governo il
sottosegretario all'Economia Gianfranco Polillo. (Public
Policy)

LAP

© Riproduzione riservata