Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Dl Detenuti, "dal 2017 emergenza superata". 8 euro risarcimento non serviranno

carceri 22 luglio 2014

ROMA (Public Policy) - La commissione Bilancio della Camera ha espresso parere favorevole al decreto Detenuti, ora all'esame dell'Aula. Se l'unica condizione posta dalla V commissione di Montecitorio mira a specificare meglio a quali articoli sono riferiti gli oneri previsti, nelle premesse è possibile leggere che "l'assenza di oneri per gli anni successivi al 2016 è fondata sul presupposto che il problema del sovraffollamento dovrebbe ragionevolmente trovare soluzione entro tale anno, considerato il trend di costante diminuzione rilevato nell'ultimo anno dal Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria".

Nel provvedimento infatti le uniche spese previste sono quelle relative al risarcimento di 8 euro per ogni giorno di detenzione in condizioni "disumane o degradanti", nel caso in cui il periodo di pregiudizio sia inferiore ai 15 giorni o la pena rimanente da scontare non sia sufficientemente lunga da poter essere applicato lo sconto di pena previsto.

Nelle motivazioni della Bilancio si legge anche che "la misura è stata concordata con la stessa Cedu (la Convenzione europea dei diritti dell'uomo; Ndr) nel corso di un recente incontro con le autorità italiane", ma che la stima degli oneri necessari "riveste carattere di prudenzialità, sulla scorta dei dati in possesso del ministero della Giustizia, che non consentono una rappresentazione più analitica del presumibile impatto finanziario recato dal provvedimento, posto che gli elementi da prendere in considerazione sono assolutamente variabili quali, ad esempio, l'indice di sovraffollamento riscontrato negli ultimi anni, le ulteriori condizioni carcerarie, i residui di pena eventualmente da conteggiare, l'esito dell'accertamento delle violazioni della Cedu che non potrà che essere valutato caso per caso dal magistrato di sorveglianza o dal giudice ordinario".

Gli oneri previsti per il risarcimento sono 5 milioni nel 2014, 10 milioni nel 2015 e 5,3 milioni nel 2016. (Public Policy)

NAF

© Riproduzione riservata