Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Obblighi, sanzioni, consigli: il dl Vaccini, dopo il Senato

vaccini 21 luglio 2017

di Sonia Ricci

ROMA (Public Policy) - I vaccini obbligatori scendono da dodici (come aveva stabilito il Governo) a dieci, di cui 4 'a tempo'; altri quattro saranno 'consigliati'; tagliate le sanzioni massime ai genitori che non rispettano l'obbligo e che non rischieranno più, seppure temporaneamente, di perdere la patria podestà sul minore. Creazione di un'anagrafe nazionale dei vaccini e obbligo esteso anche a medici, infermieri, insegnanti, professori e personale Ata.

Sono i contenuti principali del testo del decreto legge firmato dalla ministra Beatrice Lorenzin, esaminato e approvato dal Senato, che nei prossimi giorni sarà inviato alla Camera per la seconda lettura parlamentare.

Vediamo nel dettaglio le novità:

DIECI VACCINI OBBLIGATORI (NON PIÙ 12)

Tra le novità più rilevanti c'è l'emendamento a firma della relatrice, Patrizia Manassero (Pd), sui nuovi obblighi. Nel dettaglio, i vaccini obbligatori sono: l'anti-poliomielitica; l'anti-difterica; l'anti-tetanica; l'anti-epatite B; l'anti-pertosse; e l'anti-Haemophilus influenzae tipo b.Quelli sempre obbligatori, ma solo fino al 2020 sono: anti-morbillo; anti-rosolia; anti-parotite; anti-varicella. Quelli, invece, 'consigliati' sono: anti-meningococcica B e C; anti-pneumococcica; anti-rotavirus.

I primi due rientravano nell'elenco degli obbligatori nel testo approvato dal Governo. Su quest'ultimo punto, la modifica approvata stabilisce che le Regioni "assicurano l'offerta attiva e gratuita" di questi vaccini. Le indicazioni operative per l'attuazione di questa misura saranno Fornite dal ministero della Salute, sentito l'istituto superiore di sanità. Le indicazioni del ministero dovranno anche tener conto della verifica dei dati epidemiologici e delle coperture vaccinali raggiunte, effettuata dalla commissione per il monitoraggio dell'attuazione del decreto.

continua -in abbonamento

@ricci_sonia

© Riproduzione riservata