Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Le dimissioni di Casale viste da Bratti: non sono un fulmine a ciel sereno

nucleare 29 ottobre 2015

ROMA (Public Policy) - di Fabio Napoli - "Le dimissioni dell'ad di Sogin, Riccardo Casale, non sono un fulmine a ciel sereno, che ci fosse una situazione complicata era noto. La commissione d'inchiesta sui rifiuti ha prodotto una relazione che evidenziava tutte le criticità in seno alla società. Da presidente della commissione ho scritto a tutti i capigruppo per chiedere di calendarizzare a breve la discussione della relazione che abbiamo depositato nelle Camere. Qualsiasi iniziativa che le altre commissioni vorranno intraprendere non potrà prescindere da una attenta lettura di quella relazione".

A dirlo a Public Policy è stato il presidente della commissione d'inchiesta sui rifiuti, Alessandro Bratti (Pd), riferendosi alle dimissioni presentate dall'ad di Sogin, la società incaricata del decommissioning degli impianti nucleari.

La relazione sul nucleare è stata approvata dalla commissione Ecomafie il 1° ottobre. Tra i temi affrontati nella relazione anche lo stato della Sogin e la questione Isin, l'Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione, che aspetta da tempo la nomina dei vertici per iniziare a lavorare.

continua - in abbonamento

@ShareTheRoadFab

© Riproduzione riservata