Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Dirigenti, bozza dlgs Pa: licenziamento dopo bocciatura e un anno senza incarico

pubblica amministrazione, dirigenti 25 agosto 2016

ROMA (Public Policy) - I dirigenti della Pubblica amministrazione, che rimarranno senza incarico per oltre un anno a seguito di revoca per valutazione negativa, verranno licenziati. È questa una delle ultime novità inserite nel decreto legislativo per la riforma della dirigenza pubblica, che sarà probabilmente esaminato oggi (giovedì 25 agosto) dal Cdm.

Il testo, secondo una bozza che Public Policy ha potuto visionare, prevede due fattispecie di decadenza dal ruolo unico. La prima è legata alla valutazione negativa del "capo": se gli viene revocato l'incarico e per un anno non riesce a trovare un'altra collocazione non potrà più rimanere nei ranghi della Pubblica amministrazione. L'unica soluzione sarà retrocedere a funzionario. La seconda, invece, riguarda coloro che rimangono semplicemente primi di incarico, ovvero senza bocciatura. Dopo alcuni anni di inattività al dirigente sarà proposto un "incarico d'ufficio", che se non accetta gli costerà la decadenza dal ruolo. (Public Policy) SOR

@ricci_sonia

© Riproduzione riservata