Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Disordini M5s, Di Battista: molto amareggiato, trattato come un delinquente

di battista 28 febbraio 2014

ROMA (Public Policy) - "Per 25 giorni non potrò votare, non potrò combattere assieme ai miei straordinari colleghi, non potrò portare la voce dei cittadini in aula. 25 giorni sono un'eternità. Sono molto amareggiato. Davvero. Trattato come un delinquente e non ho alzato un dito, non ho picchiato nessuno. Sbattuto fuori dal Parlamento, un luogo dove vengono accolti senza alcun imbarazzo pidduisti, frodatori del fisco, condannati". Così, su Facebook, il deputato M5s Alessandro Di Battista, sospeso ieri dall'ufficio di presidenza della Camera per 25 giorni, 10 per il battibecco in sala stampa con il capogruppo Pd alla Camera Roberto Speranza, altri 15 invece per aver occupato la commissione Affari costituzionali il 30 gennaio.

"Questa dittatura ci rattrista - continua - ma non ci ferma. Noi 'eversivi', gireremo in quei giorni l'Italia, le piazze, i mercati e magari svariate televisioni per spiegare, armati di pazienza, l'occupazione abusiva delle istituzioni effettuata dai partiti. Per spiegare ancora una volta il perché della 'ghigliottina' [...] e per far comprendere il cuore della politica del M5s: la sovranità. Sovranità politica, energetica, informativa, alimentare, bancaria e monetaria. Non ci fermeremo mai". (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata