Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Dl Casa, relatori: per 2014 bonus mobili svincolato da spese ristrutturazione

casa 02 maggio 2014

ROMA (Public Policy) - Entrerà nel vivo martedì alle 11 nelle commissioni Lavori pubblici e Ambiente al Senato l'esame degli emendamenti al dl Casa.

Sono attesi almeno quattro nuovi emendamenti dei relatori Stefano Esposito (Pd) e Franco Mirabelli (Pd): uno sull'abolizione dell'Imu per le abitazioni Erp adibite a prima casa, un altro per aumentare le tutele delle vittime di fallimenti delle cooperative edilizie, uno riferito all'ambito soggettivo della ritenuta della cedolare secca, e uno sull'Expo 2015. Lo si apprende da fonti parlamentari.

L'EMENDAMENTO SUL BONUS MOBILI "Per un periodo che va dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014 le spese per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici "sono computate, ai fini della fruizione della detrazione di imposta, indipendentemente dall'importo delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione che fruiscono delle detrazioni".

Questo uno degli emendamenti al dl proposto dai due relatori, che ancora attende una decisione sull'ammissibilità. L'emendamento in pratica svincola per tutto il 2014 le spese per l'acquisto di mobili coperte dal bonus fiscale, da quelle sostenute per la ristrutturazione edilizia, per cui si può fruire del bonus casa. (Public Policy)

VIC

© Riproduzione riservata