Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

DL FARE, VIA LIBERA DAL SENATO E RITORNO ALLA CAMERA

riforme 07 agosto 2013

'FARE' IN FRETTA

Per approfondire:

- La scheda sul provvedimento


Il dl Fare è stato approvato oggi dall'Assemblea di Palazzo
Madama
(con 190 voti favorevoli e 67 contrari), e ora torna
alla Camera per il via libera definitivo (entro la settimana).

TUTTI I LANCI DI PUBLIC POLICY

DL FARE, MARINO (SC): HA MOLTI DIFETTI, VA LETTO CON L'OTTIMISMO DELLA VOLONTÀ

(Public Policy) - Roma, 7 ago - "Il dl Fare ha due difetti:
è un provvedimento omnibus; è un groviglio di articoli che
rinviano ad altri articoli, di commi che rinviano ad altri
commi, di rimandi". Lo dice in aula al Senato Luigi Marino
di Scelta civica, durante le dichiarazioni di voto sul
decreto, criticando - pur dichiarando il voto favorevole del
gruppo - il testo.

"Inoltre sono stati presentati tantissimi ordini del
giorno, 50 approvati in una sola seduta, sono più degli
articoli della legge", aggiunge il deputato Sc. "Noi siamo
convinti che la crescita non è problema unilaterale, non
dipende solo dal governo o dalle forze politiche, ma di
scelte convergenti per aumentare la competitività del
sistema".

Il dl Fare "incoraggia timidamente la ripresa, come Paese
abbiamo bisogno di uno slancio più risolutivo, solo dalla
maggiore competitività delle imprese può arrivare la ripresa
e il benessere della nazione. Voteremo sì a un decreto che
va letto con l'ottimismo della volontà", conclude Marino
citando Antonio Gramsci.

DL FARE, INIZIANO LE DICHIARAZIONI DI VOTO

(Public Policy) - Roma, 7 ago - In aula al Senato è
terminata la votazione su emendamenti e ordini del giorno al
dl Fare e sono iniziate le dichiarazioni di voto, con
l'intervento del senatore Karl Zeller (Autonomie).

DL FARE, RIPRESE LE VOTAZIONI IN AULA SENATO

(Public Policy) - Roma, 7 ago - Sono riprese nell'aula del
Senato le votazioni sugli emendamenti e gli ordini del
giorno al dl Fare. Presiede Maurizio Gasparri.

L'intenzione dell'assemblea sarebbe quella di terminare
l'esame del dl Fare e passare al decreto sull'esecuzione
della pena.

DL FARE, RIPRENDE AULA SENATO. GASPARRI: CHIUSURA LAVORI? LO DECIDE PRESIDENZA

(Public Policy) - Roma, 7 ago - "Dopo aver terminato la
discussione del dl Fare, l'assemblea esaminerà il decreto
sull'esecuzione della pena. L'orario di chiusura dei lavori
sarà a discrezione della presidenza, in relazione
all'andamento degli stessi". L'aula del Senato torna a
discutere il dl Fare, e il presidente di turno Maurizio
Gasparri detta la linea da seguire.

"Se i tempi si dovessero prolungare la presidenza può
riservarsi di far votare gli emendamenti in sequenza"
aggiunge Gasparri spiegando che l'assemblea "tornerà a
riunirsi il 4 settembre alle 11; mentre dal 2 settembre
riprenderanno le riunioni delle commissioni".

DL FARE, LUPI: SEMPLIFICARE PROCEDURE EDILI, STOP DIBATTITI IDEOLOGICI

(Public Policy) - Roma, 7 ago - "È necessario chiarire
meglio" la classificazione delle zone omogenee A, per
"evitare dibattiti ideologici". Nel corso della discussione
in aula al Senato sul dl Fare, il ministro dei Trasporti
Maurizio Lupi prende la parola e si sofferma sugli articoli
23 bis e 30, rispettivamente in tema di autorizzazioni
preliminari alla segnalazione certificata di inizio attività
e di semplificazioni in materia edilizia.

Il ministro sottolinea che le zone classificate come
omogenee A "non raggruppano soltanto i centri storici". Per
questo, Lupi suggerisce di rimandare il testo alla Camera e
"concentrare i lavori di analisi" a Montecitorio.

Per quanto riguarda gli interventi di demolizione e
ricostruzione e gli interventi di ripristino di edifici
crollati o demoliti, Lupi ritiene "giusto" che siano i
sindaci a deliberare dove applicare la semplificazione.

DL FARE, SEDUTA AULA SENATO RINVIATA ALLE 15

(Public Policy) - Roma, 7 ago - Nuovo stop per i lavori
dell'aula del Senato. Mentre l'assemblea è impegnata nella
discussione degli ultimi articoli del dl Fare, il presidente
Pietro Grasso ha deciso di aggiornare i lavori alle 15.

L'esame dell'articolo 30 sulle semplificazioni in materia
edilizia vede più di 10 senatori iscritti a parlare, e per
questo Grasso ha ritenuto necessario "fare una pausa" nei
lavori.

DL FARE, GOVERNO BATTUTO IN AULA SENATO SU ACCESSO CONCORSO MAGISTRATI

(Public Policy) - Roma, 7 ago - Il Governo viene battuto in
aula al Senato sugli emendamenti all'articolo 73 presentati
da Pdl e Lega.

Si tratta di due provvedimenti che sopprimono le nuove
regole per l'accesso ai concorsi dei magistrati. Il Governo
aveva dato parere contrario e i relatori si sono rimessi
all'aula che ha approvato la proposta di modifica con 208
sì, 38 no e 6 astenuti.

DL FARE, AULA SENATO SOSPESA PER 10 MINUTI

(Public Policy) - Roma, 7 ago - I lavori dell'aula del
Senato sono sospesi per 10 minuti per "aggiornamento sui
dati". Alcuni senatori, infatti, lamentano la mancanza di
tempo "adeguato" per approfondire gli ordini del giorno agli
emendamenti presentati. Prima della sospensione, l'Assemblea
stava esaminando l'articolo 84.

DL FARE, SENATO APPROVA EMENDAMENTO SU BORSE STUDIO STUDENTI MERITEVOLI

(Public Policy) - Roma, 7 ago - L'aula del Senato approva
l'emendamento 59.500 che riguarda le borse di mobilità per
il sostegno degli studenti universitari "capaci e meritevoli
e privi di mezzi".

Si tratta di un emendamento presentato dai relatori Paolo
Guerrieri Paleotti e Anna Maria Bernini, che mette a
disposizione, "entro quindici giorni" dalla data di entrata
in vigore del dl Fare, borse di mobilità per studenti
meritevoli che intendono iscriversi a corsi di laurea
magistrale per l'anno accademico 2013/2014. Le borse di
studio non si estendono, però, agli studenti iscritti alle
università telematiche.

L'assemblea sta procedendo rapidamente all'esame del dl, e
ha già esaminato 67 articoli su 85. Con ogni probabilità il
testo riuscirà a tornare alla Camera in giornata.

DL FARE, RIPRESE LE VOTAZIONI AL SENATO

(Public Policy) - Roma, 7 ago - Sono riprese nell'aula del
Senato le votazioni sugli emendamenti e gli ordini del
giorno al dl Fare. Presiede Pietro Grasso. L'assemblea sta
procedendo rapidamente all'esame, esaminando e votando
soltanto gli emendamenti non respinti.

Come per i precedenti articoli, Palazzo Madama sta dando
l'ok soltanto agli emendamenti su cui si erano già espresse
le commissioni Affari costituzionali e Bilancio. Ieri il
Governo è stato battuto su un ordine del giorno della Lega
Nord, con cui si chiedeva un impegno da parte dell'Esecutivo
per abolire la tassa sui telefonini. (Public Policy)

RED-DAR

© Riproduzione riservata