Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

DL LAVORO, CGIL: NORME CONTROPRODUCENTI SU APPRENDISTATO

09 luglio 2013

DL LAVORO, CGIL: NORME CONTROPRODUCENTI SU APPRENDISTATO, ARRETRAMENTO SECCO

(Public Policy) - Roma, 9 lug - Le norme sulle tipologie
contrattuali rappresentano "un arretramento secco rispetto
ai pur timidi sforzi di contrasto alla precarietà presenti
nella legge 92/12". Lo afferma il segretario confederale
della Cgil, Serena Sorrentino
, durante un'audizione in
commissioni riunite Finanze e Lavoro del Senato
sul decreto
in tema di occupazione, coesione sociale, Iva e misure
finanziarie.

Il sindacato guidato da Susanna Camusso segnala "come si
possa creare uno spiazzamento tra le agevolazioni previste
per assunzioni aggiuntive a tempo indeterminato di giovani e
queste misure che invece invogliano le imprese a continuare
ad approfittare delle forme precarie piuttosto che
impegnarsi in programmi di occupazione stabile".

Le misure allo studio del Governo sono "improvvide e
controproducenti
. Non si interviene, anzi si rafforzano, gli
istituti che in questi anni sono stati oggettivamente i
concorrenti spiazzanti dell'apprendistato (in primis il
contratto a termine acausale e il lavoro a chiamata),
individuando scorrettamente e in modo ipocrita i ritardi
delle Regioni a convenire su regole comuni, quali ragioni da
rimuovere per far ripartire l'apprendistato".

BANCHE DATI, UN PASSO IN AVANTI
Per Sorrentino, istituire la banca dati delle politiche
attive e passive
è "un passo avanti importante verso la
convergenza, nella prospettiva di un unico soggetto delle
politiche attive e passive, attualmente suddivise in
soggetti rispondenti a logiche e regole non collimanti (Inps
e Centri per l'Impiego)".

ARTICOLO 8 LEGGE 148/11
La Cgil si dice "contrarissima" a che si ritorni
sull'articolo 8 della legge 148/11 sugli accordi in deroga
a
leggi e contratti che, "a maggior ragione dopo il protocollo
sulla rappresentanza firmato con Confindustria il 31 maggio,
non ha davvero più ragione d'essere".(Public Policy)

DAR

© Riproduzione riservata