Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Dl Stadi-Migranti, da Daspo a protezione internazionale stranieri

stadi 03 ottobre 2014

ROMA (Public Policy) - Ok dall'Aula della Camera al voto di fiducia sul dl Stadi-Migranti. Martedì, dalle 19,30, si svolgeranno le dichiarazioni di voto finale sul provvedimento e poi le votazioni finali. Il provvedimento contiene misure per il contrasto alla violenza negli stadi (con un inasprimento della misura del Daspo) e altre per la protezione internazionale dei migranti.

Daspo allargato - Ampliata la categoria dei potenziali destinatari del divieto di accedere alle manifestazioni sportive. Il Daspo potrà essere emesso anche nei confronti di chi risulta denunciato o condannato, anche con sentenza non definitiva, nel corso degli ultimi 5 anni, per il mancato rispetto del divieto di introduzione ed esposizione negli impianti sportivi di striscioni e cartelli incitanti alla violenza, per tutti i delitti contro l'ordine pubblico e di comune pericolo, nonché per i delitti di rapina, estorsione e reati in materia di stupefacenti.

Prevista, inoltre, anche la possibilità di emettere Daspo per condotte violente tenute all'estero. Tra le novità, il Daspo di gruppo. In questo caso, la condotta deve essere evidentemente finalizzata alla partecipazione attiva ad episodi di violenza, di minaccia o di intimidazione, come ha spiegato il relatore del provvedimento in Aula alla Camera.

tutto sul dl Stadi in abbonamento 

© Riproduzione riservata