Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Dlgs Appalti, tutti (o quasi) i compiti dell'Anac

appalti 29 febbraio 2016

ROMA (Public Policy) - di Francesco Ciaraffo - Sono tanti e sostanziosi i poteri che il nuovo Codice degli appalti attribuisce all'Anac.

Non è una sorpresa visto che già molti principi delega prevedevano di arricchire i compiti dell'Autorità guidata da Raffaele Cantone che durante l'ultima relazione annuale al Parlamento si era spinto a definire le sfide contenute nella delega "da far tremare i polsi".

Stando all'ultima bozza del dlgs atteso sul tavolo del Cdm di venerdì (ma poi non esaminato) che Public Policy ha avuto modo di vedere - all'Anac sono attribuiti i poteri di vigilanza e di controllo sui contratti pubblici e l'attività di regolazione degli stessi, per prevenire e contrastare la corruzione.

Questi i principali compiti nel dettaglio.

LE LINEE GUIDA
Sono uno degli aspetti su cui si punta per alleggerire il nuovo Codice. Si tratta di norme secondarie che dovranno essere messe a punto dall'Anac.

L'Authority 'attraverso linee guida, bandi-tipo, capitolati-tipo, contratti-tipo ed altri strumenti di regolamentazione flessibile, comunque denominati, garantisce la promozione dell'efficienza, della qualità dell'attività delle stazioni appaltanti, cui fornisce supporto anche facilitando lo scambio di informazioni e la omogeneità dei procedimenti amministrativi e favorisce lo sviluppo delle migliori pratiche'.

continua - in abbonamento

@fraciaraffo

© Riproduzione riservata